yahoo: Comunità mondo arabo in Italia condannano attacco a Parigi

 

foad7

 

Roma, 14 nov. (askanews) – “Condanna del attacco a Parigi solidarietà ai francesi, urge reagire in modo unitario e comune”.

Così il presidente delle comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e dell’associazione dei medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi, condanna “il gravissimo attacco a Parigi che ha causato una carneficina di civili” ed esprime la “solidarietà ai francesi come già espresso in passato ed aver partecipato alla manifestazione davanti all’Ambasciata Francese a Roma”.

“La nostra preoccupazione e’ altissima per il continuare degli attacchi contro i civili, in modo disumano e senza pietà e con la finalità di destabilizzare i paesi europei scatenando una guerra inter religiosa e tra le civiltà – aggiunge Aodi -. Bisogna che tutti i paesi europei, arabi, musulmani insieme all’Onu agiscano in modo unitario con azioni comuni per fermare l’avanzamento pericoloso del terrorismo che sta utilizzando una violenza cieca e disumana mai vista in passato senza distinzione”.

Da Aodi poi un appello “a tutte le comunità arabe, musulmane, ebraiche e ai cristiani in Europa ed in Italia di unirsi contro ogni forma di violenza, di isolare ogni forma di estremismo, di intensificare il dialogo e la collaborazione con le istituzioni per l’interesse comune ed i nostri paesi e l’Italia”.

 

yahoo_news_it-IT_s_f_pw_351x40_news

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare