webtv: Uninettuno. Cooperazione con il mondo arabo

 

Accordo storico tra gli Emirati Arabi e l’università telematica internazionale Uninettuno.

 

L’accordo storico di Uninettuno

Il rettore di Uninettuno la professoressa Maria Amata Garito e il Rettore della HBMSU – Hamdan Bin Mohammed Smart University degli Emirati Arabi, Mansoor Al Awar hanno stretto uno storico accordo per sviluppare la cooperazione accademica e la ricerca scientifica nei campi di interesse comune; per creare contenuti e curricula congiunti e per incentivare la mobilità dei rispettivi docenti. L’idea è infatti quella di unire le forze per erogare, a livello globale, servizi scientifici e didattici che stiano al passo con lo sviluppo veloce imposto dall’era digitale.

Uninettuno e il cinema

Un’atro esempio di cooperazione è l’accordo con il mondo arabo per il cinema. Insieme a Copeam, la Conferenza Permanente dell’Audiovisivo Mediterraneo,Uninettuno ha realizzato un nuovo programma televisivo sul canale satellitareuninettuno.university.tv per presentare i lavori dei giovani dell’area mediterranea. Il programma si chiama “À première vue”, “A prima vista” e andrà in onda dal mese di maggio a cadenza mensile e ogni puntata conterrà tre cortometraggi, uno per ogni scuola. “Il cinema è uno dei linguaggi dell’arte con cui si comunicano emozioni, riflessioni, speranze e sogni. Promuovere e diffondere i lavori degli studenti delle scuole di cinema di alcuni Paesi del mondo arabo”, ha detto il Rettore dell’Università Telematica Internazionale UninettunO prof. Maria Amata Garito,“ci aiuterà a capire e ad avere un nuovo punto di vista per comprendere le differenze, condividere i sogni e ascoltare le voci dei giovani del Mediterraneo”

 

cno-webtv

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare