varesepress: Foad Aodi;proponiamo la politica dei due binari; integrazione e sicurezza ; no alla solidarietà a pagamento

 

 

Immigrazione, problema che potrebbe diventare una risorsa se gli arrivi sono legali e programmati all’interno di un progetto europeo se non mondiale:non possiamo accogliere parte dell’Africa e comunque ci servono figure tecniche qualificate nel mondo del lavoro.

I disperati non vanno bene non solo per questioni umanitarie, ma er i danni che possono compiere a loro stessi e agli altri.

Se il problema si affronta a livello globale forse col tempo e con gli investimenti in Africa qualcosa in più si può fare. Lasciando arrivare all’impazzata senza controlli nè fine, centinaia di di migliaia di persone senza prospettive, è chiaro che si va allo scontro.

Le ricette non sono semplici, ma bisogna trovarle per combattere la fame ma anche il radicalismo islamico, ci prova a dare un contributo una seria di serie associazioni col manifesto che segue a firma di

 

www.unitiperunire.org ,    www.amsimed.org , www.co-mai.org www.emergenzasorrisi.it

 

Manifesto “Buona Immigrazione”

Proposto agli istituzioni competenti da;

AMSI, Co-mai, UMEM,Uniti per Unire ed Emergenza Sorrisi

 

  • Urge una nuova legge per l’immigrazione sui diritti e doveri che coinvolga uniformemente i Paesi Europei per una vera cooperazione internazionale e solidarietà;
  • Promuovere politiche dei due binari; integrazione e sicurezza,  per lo sviluppo del dialogo interculturale ed inter-religioso e per contrastare qualsiasi forma di discriminazione;
  • Promuovere accordi bilaterali tra Italia e Paesi più coinvolti per una immigrazione programmata e qualificata;
  • Istituzione di nuovi centri di accoglienza nei territori di transito per ridurre l’immigrazione irregolare e contrastare  la tratta degli esseri

umani;

  • Istituzione dell’albo dei mediatori culturali organizzato per  specializzazioni;
  •  Cittadinanza temperata per i figli degli immigrati e politiche di integrazione per la seconda generazione nella scuola e nelle Università;
  • Promuovere la buona informazione per favorire la  convivenza e il dialogo tra i popoli e l’unità tra le diversità, combattendo la ” guerra tra poveri” ;
  •  Istituzione di un albo per gli Imam italiani secondo requisiti minimi con mappatura delle moschee e preghiera o “kutba” anche in lingua italiana;
  • Promuovere la cooperazione economica tra Italia e i paesi di origine  abbattendo il muro della burocrazia valorizzando le eccellenze italiane .
  • Promuovere studi, ricerche, analisi universali sul fenomeno dell’immigrazione attraverso conferenze e seminari tra i maggiori esperti del settore in Italia e dall’estero;
  • Istituzione di   sportelli di ascolto nei vari comuni ,corsi di lingua italiana , informazione ed orientamento rivolto agli immigrati , imprenditori professionisti e cittadini di origine straniera ;
  • Combattere il fenomeno dell’abbandono scolastico,
  • Combattere il fenomeno dello sfruttamento lavorativo sia minorile che adulto e tutelare i diritti e doveri per il mercato del lavoro;
  • Combattere lo sfruttamento sessuale minorile delle prostituzione;
  • Combattere la guerra alle religioni compreso l’estremismo e  il razzismo religioso;
  • Combattere la radicalizzazione ed il terrorismo in ogni sua forma;
  • Valorizzare la buona integrazione e immigrazione qualificata in italia con ricerche ,statistiche e buone pratiche;
  • Promuovere gemellaggi e patti d’amicizia tra i comuni e le citta’ italiane e quelli dei nostri paesi di origine;
  • Promuovere scambio socio-sanitario ,scolastico e universitario;
  • Creare piu’ condizioni lavorative e economiche per i giovani e la seconda generazione per combattere la fuga dei cervelli dal sud al nord;
  • Creare piu’ servizi sanitari e sociali nei posti disagiati  e campagne di educazione sanitaria e scolastica.

 

Link

 

Altri articoli

Nessun altro articolo da mostrare