Tunisia: Comunità arabe Italia, segnale positivo per donne

(ANSAmed) – Roma, 7 gen – “In Tunisia il primo risultato concreto dalla primavera araba a favore delle donne”: così il presidente Foad Aodi, presidente del Co-mai (le comunità del Mondo arabo in Italia) e fondatore del movimento Uniti per Unire, ha commentato la decisione del parlamento tunisisno di sancire nella costituzione nazionale l’uguagualnza tra uomo e donna. ”Dopo anni di scontri , rovesciamenti di governi e soffocamento della vera primavera araba dei giovani e donne arabe viene finalmente dalla Tunisia un segnale forte e concreto a favore di tutti i cittadini e tutte le cittadine che hanno i medesimi diritti e doveri ,sono eguali davanti alla legge senza discriminazione alcuna”, ha detto Aodi. La Co-mai applaude a questo segnale e spera che, insieme alla visita di papa Francesco in Terra Santa a maggio, contribuisca a una svolta costruttiva per la pace nella regione. (ANSAmed).

http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/rubriche/politica/2014/01/07/Tunisia-Comunita-arabe-Italia-segnale-positivo-donne_9862753.html

banner234x90_medegolfo

Altri articoli

Salute, Onesti (AISI): «Accordo Regione Puglia con le strutture sanitarie private, con un investimento di 30 milioni di euro, è la strada giusta per uniformare sempre di più sanità pubblica e privata accreditata ed elevare così la qualità delle prestazioni offerte ai cittadini».

ROMA 12 LUG 2024 – «Rilanciare il nostro “Sistema Salute” significa, sempre di più, mettere sullo stesso piano sanità pubblica e sanità privata accreditata, con l’obiettivo di elevare qualitativamente le

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare