Trasparenza e controlli per i cosmetici “halal”. È quanto chiede l’Associazione medici di origine straniera in Italia.

14 marzo 2013
Trasparenza e controlli per i cosmetici “halal”. È quanto chiede l’Associazione medici di origine straniera in Italia.
Appello al Ministero della salute per creare un sistema di certificazione.

Trasparenza, controlli e una certificazione del Ministero della salute per i cosmetici con il marchio halal. A chiedere “più chiarezza in questo campo, per rispettare la cultura e la tradizione di persone di fede islamica e non solo, che vivono in Italia”, è Foad Aodi, presidente dell’Associazione dei medici di origine straniera in Italia (Amsi), che spera nella costituzione “di un elenco di aziende ufficialmente riconosciuto dal dicastero”.
Per Aodi “è fondamentale una certificazione che permetta di distinguere ciò che è consentito, halal, da ciò che invece è proibito, haram. Tutto ciò che entra in contatto con il corpo, per un musulmano, deve essere halal, ovvero lecito. L’80% dei cosmetici commercializzati nel mondo arabo è prodotto in Europa, le aziende inglesi e francesi sono state le prime a certificare i prodotti halal. Nel 2008 il mercato di questi prodotti valeva 580 milioni di dollari, nel 2010 più di 2 miliardi di dollari. L’incremento annuo di consumo di cosmetici halal nel mondo è del 12%; aumento che nei Paesi del Golfo arriva anche al 20%. L’incremento si registra anche in Italia, dove ci sono circa 4 milioni di musulmani. Ma sono ancora troppo poche le aziende che certificano farmaci e cosmetici halal. Per questo chiediamo un aiuto al Ministero della salute”.
(Red.)

 

http://immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=005117
http://www.sanita.ilsole24ore.com/art/dibattiti-e-idee/2013-03-13/halal-153408_PRN.php?uuid=Ab92qedH
http://www.padovanews.it/news/cronaca-nazionale/201117-dalla-polonia-lo-smalto-halal-consentito-anche-alle-donne-musulmane.html
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Dalla-Polonia-lo-smalto-halal-consentito-anche-alle-donne-musulmane_314276378941.html

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare