sacerdotisposati-altervista: Presidente Co-Mai in chiesa, dialogo

 

"Dopo che i musulmani sono andati in chiesa con grande successo e apprezzamento, ora speriamo che i cristiani possano andare nelle moschee, magari il venerdì, per intensificare il dialogo religioso". Foad Aodi, presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), tra gli organizzatori dell'iniziativa di domenica scorsa con l'islam in Chiesa, lancia un nuovo appello, che poi potrebbe essere esteso anche alle sinagoge, 6 agosto 2016. ANSA/GIAMPAOLO BALESTRINI

 

(ANSA) – CESENATICO (FORLI’-CESENA), 15 AGO – Lo aveva annunciato nei giorni scorsi e oggi Foad Aodi, presidente delle Comunita’ del MondoArabo in Italia (Co-Mai) e dell’Associazione Medici Stranieri in Italia è tornato nella chiesa di San Giuseppe a Cesenatico – dove aveva già partecipato alla messa lo scorso 31 luglio – per rinnovare “l’appello a rafforzare la piramide della conoscenza e a continuare sulla strada del dialogo interreligioso”.
Questa mattina, proprio “nel giorno dell’Assunzione che è un giorno simbolico – osserva – alla fine della messa ho fatto un intervento per invitare tutti a continuare nel dialogo” anche alla luce delel recente appello rivolto dalla stessa Co-Mai alle moschee riconosciute in Italia ad aprire le proprie porte ai cristiani per una settimana di conoscenza.
Ad oggi – conclude Aodi – con quelle giunte dall’Emilia-Romagna, dall’Italia, sui social media, sono più di 30.000 le adesioni di italiani che vogliono visitare le moschee”.

 

sacerdotisposati-altervista

Link

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 24/05/24. Impegno sociale, cooperazione internazionale, solidarietà, salute globale, lotta contro la violenza per difendere le donne. La partecipazione a tre eventi-dibattiti in un solo giorno testimoniamo la forza degli obiettivi di Amsi, Umem e Uniti per Unire. (La Voce del Parlamento.it).

Aodi: «Sono stato relatore e moderatore, il 23 maggio, di tre convegni, su temi come Salute Globale Internazionale e Difesa dei Diritti delle Donne e Lotta alla violenza di gruppo.

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare