Rete italiana euromed, immigrazione e cooperazione priorita’ Riunione in Farnesina assemblee rete dialogo e Anna Lindh

 

(ANSAmed) – ROMA, 14 SET – Immigrazione, dialogo interreligioso, legalita’ e cooperazione internazionale. Sono queste le priorita’ della Rete Italiana del Dialogo Euromediterraneo (Ride) riunitasi a Roma, al ministero degli Esteri, l’11 settembre scorso. Nel corso dell’incontro, che ha visto riuniti in Assemblea i delegati della Ride, e’ stata ribadita l’urgenza di trovare soluzioni per i rifugiati mettendo in agenda nuove politiche di accoglienza.
L’Assemblea, che raggruppa 124 associazioni e fondazioni, ha inoltre eletto all’unanimita’ il Consiglio direttivo composto da 7 membri elettivi insieme ai 4 membri di diritto. Fra questi: Foad Aodi, presidente dell’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi), della Comunita’ del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e del Movimento “Uniti per Unire”, Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Caponnetto, Giovanni Serra, presidente della Cooperativa sociale Dignita’ del Lavoro, Maria Amata Garito, Rettore dell’Universita’ telematica internazionale Uninettuno, Janiki Cingoli, direttore del Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente (Cipmo), Enrico Molinaro, president dell’Associazione Prospettive Mediterranee e Luigi De Luca, presidente dell’Istituto di Culture Mediterranee. Insieme ai membri di diritto – Michele Capasso, presidente della Fondazione mediterraneo, il ministro plenipotenziario Enrico Granara, coordinatore delle Attivita’ multilaterali per il Mediterraneo e Medio Oriente del ministero degli Affari Esteri, Roberto Russo per Fispmed Onlus e Marco Santangelo per l’Istituto Paralleli del Nord Ovest – i nuovi eletti avranno il compito di organizzare il programma Ride 2015-2017.
Nella stessa giornata, ricorda una nota, la Farnesina ha ospitato l’Assemblea Generale della Anna Lindh Foundation (Alf), composta da 43 Paesi euromediterranei cui hanno preso parte, fra gli altri, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il sottosegretario agli Affari esteri, Mario Giro, il direttore Esecutivo e il presidente dell’Alf, l’ambasciatore Hatem Atallah e Madame Elisabeth Guigou, nonche’ le rappresentanze dei Paesi membri (ANSAmed).

 

Co-mai new Logo 2015

www.co-mai.org

www.unitiperunire.org

 

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 24/06/24. Indagine Amsi-Uniti per Unire: in netto aumento negli ultimi 5 anni i numeri dei lavoratori irregolari di origine straniera. Il 50,4% nel settore agricolo, il 49,5% nell’edilizia il 30,6% nell’industria, nel settore terziario il 29,3% e nella sanità il 28,2%. La metà di essi vive situazioni di sfruttamento e schiavitù.

Foad Aodi: l’85% dei cittadini di origine straniera, pur di sopravvivere e di non perdere un lavoro, anche se irregolare e clandestino, decidono loro malgrado di non denunciare. Basta ad

Leggi Tutto »

COMUNICATO STAMPA 22/06/24. Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni, attraverso il nostro dettagliato e aggiornato report, emerge un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri, oltre la metà privi di documenti regolari e senza un contratto di assunzione, in special modo in settori come l’agricoltura e l’edilizia. E’ il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia.Chiediamo giustizia

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare