reggionotizie: Assisi, al via preghiera per la pace, cristiani in Basilica Reggio Notizie

 

papa-assisi-preghiera-pace-2-678x381

 

La Conferenza Episcopale Italiana aderisce alla Giornata di preghiera per la pace, promossa il 20 settembre, in concomitanza con l’Incontro interreligioso, presieduto da Papa Francesco ad Assisi. “Nell’ultimo messaggio per la Giornata mondiale della pace – ricorda monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei – Papa Francesco ha scritto: ‘La pace è dono di Dio, ma affidato a tutti gli uomini e a tutte le donne, che sono chiamati a realizzarlo’, anche invocandola per mezzo della preghiera. Non esiste un Dio di guerra”. Da parte sua, Foad Aodi, “Focal Point” per l’Integrazione in Italia per l’Alleanza delle Civiltà (UNAoC), organismo ONU, presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, commenta: “Ci uniamo all’appello di Papa Francesco, come abbiamo fatto per qualsiasi iniziativa dedicata al dialogo, alla preghiera e alla pace. Una prova di certo non facile per la città di Assisi che ancora una volta ha dimostrato di essere all’altezza della situazione confermando il magnifico risultato del 4 agosto scorso in occasione della visita di Papa Francesco pellegrino alla Porziuncola”. “Trent’anni dopo l’intuizione di Giovanni Paolo II, storicamente e spiritualmente profetica, esponenti religiosi di ogni parte del mondo sono tornati ad Assisi”. Mauro Contili: “Il riconoscimento nasce dalla profonda stima nei confronti del Presidente di Co-mai e del suo contributo al comune intento di sottolineare ciò che unisce tutti i popoli della Terra”. “Sono fiero di questo riconoscimento inaspettato”, dichiara Aodi riferendosi alla laurea onorifica; “che incoraggia a proseguire nella strada intrapresa per abbattere il muro del silenzio, dell’indifferenza, dell’ambiguità e della chiusura”. Reggio Notizie

 

reggionotizie

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare