Reato di clandestinità, AMSI: “Sì ad una riforma nell’ambito di una nuova legge per l’immigrazione. Siamo figli di una stessa umanità”

 

foadaodi11

 

Roma 11/ 01/2015 – Cresce il dibattito sulla depenalizzazione del reato di clandestinità, in vigore in Italia dal 2009, e considerato come un reato penale. Senza analizzare le motivazioni dell’immigrazione clandestina, il cittadino straniero che si trova nel suolo italiano sprovvisto della necessaria documentazione viene sistematicamente considerato colpevole, anche se non ha compiuto azioni delittuose specifiche. Alla luce di una lunga esperienza in materia di integrazione ed immigrazione, Foad Aodi, Presidente dell’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI) e Focal Point per l’Integrazione presso l’UNAOC, commenta: “Siamo tutti figli di una stessa umanità, e non possiamo che essere favorevoli ad una riforma nell’ambito di una legge per l’immigrazione qualificata e programmata – punto fondamentale dei nostri progetti gemelli “Buona Immigrazione ” e “Buona Sanità” – basata sul principio dei diritti e dei doveri reciproci, per salvaguardare i diritti umani e il diritto universale alla salute e alla sicurezza  per tutti i cittadini, italiani e di origine straniera in Italia”. “C’è percezione di insicurezza da parte dei cittadini. Cambieremo le regole senza fretta”. Lo ha dichiarato il Premier Matteo Renzi, pur rilevando la necessità di una svolta per l’Italia. “Secondo i magistrati il reato non serve e intasa i Tribunali – prosegue – ma è anche vero che c’è una percezione di insicurezza, per cui il percorso di cambiamento delle regole lo faremo tutti insieme senza fretta, per questo non sarà nel prossimo Consiglio dei Ministri”. Che “Il reato di clandestinità vada riformato”, lo sostiene anche il Capo della polizia Alessandro Pansa  che ha ribadito: “intasa l’attività dei tribunali”. Il Ministro delle Riforme Costituzionali e dei rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ha  rivelato la necessitò di “preparare prima l’opinione pubblica in questa specifica fase storica e politica per poter depenalizzare  i reati di immigrazione clandestina”. Soffermandosi sulla riforma in questione, il Presidente di AMSi aggiunge: “Per garantire l’universalità del  diritto alla salute intensificando la prevenzione, non bisogna giudicare i pazienti solo in base al loro possesso o meno del permesso di soggiorno. Non vogliamo la fuga dei cittadini stranieri dagli ospedali, come è già accaduto nel 2009, quando e’ stato proposto in Senato l’emendamento dalla Lega sulla sicurezza che chiedeva ai  medici di segnalare alle autorità  giudiziarie i pazienti sprovvisti  di permesso di soggiorno, rendendoli quindi delle spie. All’epoca, questa proposta di legge è stata rifiutata nettamente dall’AMSI. Ci auguriamo che certi gravi errori non si ripetano, perché siamo stanchi delle continue strumentalizzazioni politiche ed elettorali  sulla nostra pelle”. Conclude.

ER

 

Logo AMSIMED TONDO

Co-mai new Logo 2015

unitiperunire logo 2015

www.amsimed.org

www.co-mai.org

www.unitiperunire.org

 

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare