RASSEGNA STAMPA 26/05/24. Operatori sanitari extra Ue, riconoscimento titoli: in arrivo nuovi iter regionali. I possibili rischi. (Doctor 33)

La disposizione sul riconoscimento delle qualifiche degli operatori sanitari conseguite all’estero è in fase di approvazione alla Conferenza Stato-Regioni. Il decreto attualizza le leggi nate per fronteggiare il Covid-19.

Medici, infermieri, farmacisti, tecnici sanitari, dentisti, chimici, biologi, psicologi, veterinari, formati fuori dall’Unione Europea rientrano nella disposizione in materia di riconoscimento delle qualifiche conseguite all’estero in fase di approvazione alla Conferenza stato-regioni. Il decreto attualizza le leggi nate per fronteggiare il Covid-19 in carenza di personale sanitario: nel 2020, il decreto Cura-Italia consentì che i professionisti formati fuori dall’Unione Europea, anziché attendere l’ok del ministero della Salute come avveniva da 20 anni, fossero direttamente ingaggiati, anche da strutture pubbliche, sulla base di requisiti dichiarati equipollenti nel loro paese. A fare il punto è un approfondimento pubblicato da Doctor33.ti.

La procedura di riconoscimento prima e dopo il Covid
La precedente procedura di riconoscimento imponeva di sostenere un esame di lingua italiana presso l’Ordine di riferimento professionale e un eventuale breve corso compensativo in caso di lacune didattiche nella formazione estera. Ma dal 2020 è arrivato un iter rapido per esercitare. Molte assunzioni, a partita Iva o con contratto a termine, sono state fatte con procedura rapida in deroga: è saltato il riconoscimento del ministero, ed è rimasto il solo test di italiano per iscriversi all’ordine. Nel 2023, il decreto-legge 34 ha prolungato a tutto il 2025 questo regime straordinario. Il nuovo atto della Conferenza Stato Regioni dispone in ogni regione l’adozione di elenchi speciali straordinari di professionisti stranieri assunti dopo il 2020, ordine per ordine, e crea un nuovo controllo preventivo, istituendo commissioni integrate da un rappresentante ordinistico, con composizione distinta per ciascuna professione. Dette commissioni inseriranno a fine controllo il professionista straniero negli elenchi straordinari. Per l’ok, oltre alla conoscenza della lingua italiana attestata dall’Ordine, servono un titolo di studio con qualifica equipollente e l’attestato di corrispondenza dell’eventuale specialità posseduta da parte dell’ambasciata o del consolato italiano nel paese di provenienza; e servono i “good standings”, attestati di onorabilità che informano dell’inesistenza di procedimenti penali in capo al richiedente. Serve anche il permesso di soggiorno o il visto.
L’intesa non si applica nelle regioni che hanno concluso accordi in chiave anti-carenze con gli stati di origine dei medici e degli infermieri assunti come la Calabria con Cuba.

Con nuovo iter c’è rischio crollo delle assunzioni
In ogni caso ci sarebbero dei punti poco chiari, e dubbi tra gli stessi professionisti esteri. “Grazie al Decreto Cura Italia, oltre 5 mila assunzioni di medici, infermieri, farmacisti e fisioterapisti stranieri hanno scongiurato tra gennaio 2023 e oggi, la chiusura di 1.700 tra reparti ospedalieri, ambulatori, centri di analisi, centri di fisioterapia, studi di medici di famiglia, guardia medica e in Rsa e cliniche private. Se il nuovo iter passa, si rischia un crollo delle assunzioni, temo ne avremmo 20 l’anno”, dice Foad Aodi presidente di AMSI (Associazione Medici stranieri in Italia) e del Movimento Uniti per Unire. “Questo per motivi pratici, dall’attesa per l’istituzione delle commissioni (le avremo anche interregionali?) all’organizzazione delle sessioni, dalle valutazioni dei differenti casi personali alle verifiche delle equipollenze con criteri da ancora definire. Stiamo parlando di inserire in elenco straordinario colleghi che già adesso lavorano. Noi siamo i primi favorevoli a una immigrazione selezionata, dove si valutano con cura i titoli di studio. Ma qui si rischia di sfavorire i nuovi ingressi”.
E non a vantaggio dei professionisti italiani. “Ci fosse una massa di richieste di colleghi italiani in cerca di lavoro da tutelare, le posizioni di certe associazioni sarebbero comprensibili. Ma non c’è e in compenso, chi insinua nell’opinione pubblica dubbi sulla preparazione dei professionisti stranieri – e se ne leggono di dichiarazioni sugli operatori sanitari stranieri, prenda i cubani assunti in Calabria e gli argentini in Sicilia – crea sfiducia dei professionisti verso la sanità italiana ove operano. Riscontriamo nel 2023-inizio 2024 un aumento, anche del 30-35%, di casi di discriminazione: per esempio, utenti chiedono al medico se è davvero iscritto all’ordine. Situazioni avvilenti che riguardano pure colleghi presenti in Italia da tanto tempo, che hanno ricevuto il riconoscimento del Ministero con il vecchio criterio, magari dopo anni, test e sacrifici”.

Medici AMSI chiedono mantenimento del vecchio iter riconoscimento  Come membro Registro esperti Fnomceo (ordinista a Roma dal 2002) e docente all’Università di Tor Vergata, Aodi chiede collaborazione al mondo delle Professioni sanitarie. E alle istituzioni. “Al Ministro Schillaci abbiamo proposto che accanto al nuovo iter di riconoscimento titoli regionalizzato si mantenga il riconoscimento a cura del Ministero della Salute esistente dal 1999 per mantenere operative strutture che altrimenti chiuderebbero. Tra l’altro – aggiunge – gli accordi tra regioni e stati esteri hanno snellito i tempi per disporre di personale in strutture svuotate, avvicinando l’Italia ai tempi snelli di altri paesi europei e del Golfo. L’iter più diffuso è che, depositata la richiesta all’autorità competente, questa risponda nel giro di una settimana e in caso affermativo ammetta il medico ad un colloquio o ad un esame. In media ci sono 3 mesi per apprendere la lingua e dimostrarlo ma intanto si inizia a conoscere i luoghi di lavoro. È giusto che i colleghi stranieri imparino la nostra lingua e le norme, ma la politica ha il dovere di snellire le pratiche. E deve capire che ci guadagna se proroga il Decreto Cura Italia oltre la scadenza del 31 dicembre 2025 ed elimina l’obbligo della cittadinanza per sostenere i concorsi per entrare nel Servizio sanitario nazionale”.

FONTE: https://www.farmacista33.it/politica-sanitaria/28881/operatori-sanitari-extra-ue-riconoscimento-titoli-in-arrivo-nuovi-iter-regionali-i-possibili-rischi.html

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 24/06/24. Indagine Amsi-Uniti per Unire: in netto aumento negli ultimi 5 anni i numeri dei lavoratori irregolari di origine straniera. Il 50,4% nel settore agricolo, il 49,5% nell’edilizia il 30,6% nell’industria, nel settore terziario il 29,3% e nella sanità il 28,2%. La metà di essi vive situazioni di sfruttamento e schiavitù.

Foad Aodi: l’85% dei cittadini di origine straniera, pur di sopravvivere e di non perdere un lavoro, anche se irregolare e clandestino, decidono loro malgrado di non denunciare. Basta ad

Leggi Tutto »

COMUNICATO STAMPA 22/06/24. Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni, attraverso il nostro dettagliato e aggiornato report, emerge un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri, oltre la metà privi di documenti regolari e senza un contratto di assunzione, in special modo in settori come l’agricoltura e l’edilizia. E’ il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia.Chiediamo giustizia

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare