COMUNICATO STAMPA;Primo Ambulatorio per la circoncisione nella Regione Lazio presso Asl Rm F

A.M.S.I

 
ASSOCIAZIONE MEDICI DI ORIGINE STRANIERA IN  ITALIA
 

 COMUNICATO STAMPA

 

Prof.Luigi Frati il Rettore dell’Universita’ La Sapienza di Roma  ,Asl Rm F,Amsi ,Uniti per Unire , Co-mai e l’Azienda Ospedaliera S.Camillo  insieme per gli ambulatori di circoncisione e la tutela della salute dei bambini .

La prima delibera ed il primo ambulatorio  per la circoncisione nella Regione Lazio e’ stato inaugurato presso la Asl Rm F in collaborazione con Amsi ,Uniti per Unire e Co-mai 

Si è svolta il 10.03 nella Sede Centrale della ASL ROMA F a Civitavecchia, la conferenza stampa di presentazione del nuovo ambulatorio per la Circoncisione rituale maschile, riservata alla popolazione maschile dai 18 anni in poi di religione ebraica e musulmana. Alla presentazione, introdotta dal Direttore Generale dott. Giuseppe Quintavalle, ha partecipato anche il dott. Augusto Battaglia, della Cooperativa Capodarco.Erano presenti inoltre il Direttore Sanitario Aziendale dott. Antonio Carbone, il presidente dell’AMSI Prof. Foad Aodi, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini, dott. Aldo Morrone, il dott. Franco De Luca responsabile del GRIS per la ASL RM F, la signoraPina Tarantino dell’UNICEF di Civitavecchia. È questo un altro importante tassello della storica apertura culturale che la ASL ROMA F ha intrapreso da oltre un decennio, con l’avvio operativo dei primi ambulatori distrettuali multiculturali in collaborazione con l’AMSI .

Quest’ ultima iniziativa, in collaborazione con Amsi,Uniti per Unire e Co-mai e il suo settore sanità , sancisce il diritto ad effettuare anche questo genere di prestazioni presso una struttura sanitaria pubblica, in piena sicurezza ed evitando tutte le possibili complicanze da interventi chirurgici effettuati in clandestinità senza misure igieniche e sanitarie adeguate. Va sottolineato che la circoncisione, previa prenotazione nei CUP aziendali, viene praticata da apposite equipes di chirurghi ed anestesisti presso i due ospedali della ASL RM F (Civitavecchia e Bracciano), in regime di intramoenia con un costo minimo prefissato a carico dell’utente, che comunque deve essere maggiorenne.

L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo dalle associazioni che rappresentano gli stranieri in Italia, perchè, oltre a garantire un costo nettamente minore e condizioni igieniche ottimali, favorisce l’integrazioni delle popolazioni straniere e l’inclusione sociale e combattere quelli praticati in clandestinità che ormai superano il 30 per cento , ha dichiarato il presidente dell’Amsi e Co-mai Foad Aodi che e’ giunto a Civitavecchia insieme a numerosi rappresentati della Co-mai ,Comunita’ del mondo arabo in Italia,  di Uniti per Unire-Miti e dell’Amsi ed i suoi  medici arabi ,libanesi ,moldavi ,russi ,sudamericani ed africani.

Inoltre  Aodi ha ringraziato ,sia il Rettore della Sapienza Prof.Lugi Frati  per la grande disponibilità’ dimostrata nel recente incontro congiunto per intensificare la collaborazione proficua con Amsi ed Uniti per Unire,affinchè’ si possa realizzare la proposta di istituire  un ambulatorio per la circoncisione presso il Policlinico Umberto Primo in collaborazione con la sua Direzione Generale e Sanitaria come già’ e’ stato proposto da alcuni anni dall’Amsi e Co-mai ,che il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini, Dott. Aldo Morrone che ha dichiarato la sua disponibilità’ per aprire un ambulatorio per la circoncisione in età’ pediatrica come e’ stato concordato nel recente incontro con i rappresentanti dell’Amsi ,Co-mai ed Uniti per Unire  presso il S. Camillo.

Inoltre il Dr.Dario Perugia ,Presidente della Associazione Medica Ebraica Romana che durante l’incontro con il presidente Aodi ha dato la massima disponibilita’ dei medici ebrei romani alla collaborazione per l’interesse comune .

 

Cordiali Saluti 
Ufficio Stampa 
           www.unitiperunire.org       
     Foto Direzione Asl Rm F con Amsi ,Co-mai ed Uniti per UnireFoto Relatori Conferenza Stampa del 10.03 Asl Rm F
progetto_circoncisionedefinitivo                             

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 24/06/24. Indagine Amsi-Uniti per Unire: in netto aumento negli ultimi 5 anni i numeri dei lavoratori irregolari di origine straniera. Il 50,4% nel settore agricolo, il 49,5% nell’edilizia il 30,6% nell’industria, nel settore terziario il 29,3% e nella sanità il 28,2%. La metà di essi vive situazioni di sfruttamento e schiavitù.

Foad Aodi: l’85% dei cittadini di origine straniera, pur di sopravvivere e di non perdere un lavoro, anche se irregolare e clandestino, decidono loro malgrado di non denunciare. Basta ad

Leggi Tutto »

COMUNICATO STAMPA 22/06/24. Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni, attraverso il nostro dettagliato e aggiornato report, emerge un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri, oltre la metà privi di documenti regolari e senza un contratto di assunzione, in special modo in settori come l’agricoltura e l’edilizia. E’ il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia.Chiediamo giustizia

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare