padovanews: Sanita’: migranti, Unione medici euromediterranei dice no a ‘camici spia’

 

migranti_bambino_fg.630x360

 

Roma, 12 ago. (AdnKronos Salute) – Un’alleanza di medici europei e dell’area mediterranea, a cui hanno gia’ aderito 26 associazioni di professionisti, nata per contribuire ad affrontare il tema dell’immigrazione sul piano sanitario e per contrastare lo sfruttamento di esseri umani oltre al rischio del traffico d’organi. E’ l’Unione medica euromediterranea, appena costituita, ma gia’ pronta a prendere posizioni ‘forti’. A partire da un ‘no’ netto alla proposta del governo tedesco di attenuare il segreto medico in funzione antiterrorismo.

“La lotta al terrorismo e’ importantissima, ma violare il segreto medico, cercare di utilizzare i medici come ‘spie’ sarebbe gravissimo e i danni di una perdita di fiducia nei professionisti sarebbe enorme”, spiega Foad Aodi, presidente dell’Associazione medici stranieri in Italia e delle Comunita’ arabe nel nostro Paese, a Nizza per una serie di incontri con le associazioni francesi e le comunita’ arabe del territorio che, sono serviti anche alla nascita della nuova formazione.

“Con la costituzione dell’alleanza dei medici dell’area europea e mediterranea – racconta Aodi all’Adnkronos Salute – vogliamo provare a fare la nostra parte, nel nostro settore, per costruire ponti, quanto mai necessari oggi, tra i Paesi e le culture. Ma vogliamo anche dare una mano a contrastare fenomeni gravissimi, rispetto ai quali i medici non possono chiudere gli occhi. Parlo del ‘mercato nero’ degli esseri umani costretti a lasciare i loro Paesi e sfruttati da trafficanti di uomini. Ma parlo anche del traffico di organi di cui – denuncia Aodi – abbiamo sempre piu’ voci. Si parla di cliniche anche in alcuni Paesi dell’Est. Non si puo’ ignorare nemmeno che, in questi anni, di oltre 20 mila migranti minori non accompagnati si sono perse le tracce in Europa” .

All’Unione medica euromediterranea hanno gia’ aderito 26 associazioni di “Francia, Italia, Grecia, Albania, Germania, Romania, Bulgaria, Spagna. E – elenca Aodi – abbiamo gia’ contatti con formazioni di Giordania, Palestina, Siria Libia, Marocco, Algeria. L’alleanza e’ aperta a tutte le associazioni mediche che possono mettersi in contatto con me”.

“Il nostro obiettivo – conclude – e’ anche quello di promuovere la cooperazione internazionale in campo sanitario perche’ questo, e ne sono convinto, e’ il modo migliore per togliere al terrorismo il terreno su cui si radica”.

 

padovanews

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 10/06/24. Amsi-Umem-Uniti per Unire e medici cinesi. “Il Ponte fra Medicina Occidentale e Medicina Tradizionale Cinese”. Convegno-dibattito internazionale sull’agopuntura con specialisti provenienti da oltre 15 paesi del mondo, presso l’Aula Magna della Clinica Ortopedica dell’Università Sapienza di Roma.

Tra i relatori il Prof. Foadi Aodi con la presentazione del suo “Metodo Aodi”. Foad e Nadir Aodi: «Siamo di fronte ad un metodo dalla comprovata efficacia, con oltre il

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare