oggitreviso: Pediatria, Anelli (Fnomceo): circoncisione sia inserita nei Lea.

 

 

Roma, 24 dic. (AdnKronos Salute) – “La circoncisione non è nei Lea, per questo viene eseguita fuori dai presidi sanitari. Una discriminazione che non trova ragione, perché basata su distinzioni religiose”. A sottolinearlo all’Adnkronos Salute è il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, Filippo Anelli, che dopo la morte di uno dei due gemellini nigeriani sottoposti a circoncisione rituale in un appartamento a Monterotondo, lancia un appello per l’inserimento della procedura nei Lea.

“Ogni cittadino – ricorda Anelli – è uguale davanti alla salute in Italia, e secondo l’art. 3 della Costituzione non può essere discriminato per motivi religiosi. Anche noi ci associamo all’appello lanciato da Foad Aodi e dall’Ordine di Roma alla ministra della Salute Giulia Grillo – conclude – perché metta in atto ogni strumento per evitare le discriminazioni su base religiosa”. L’inserimento di questa pratica nei Lea toglierebbe spazio a ‘praticoni’ e sedicenti operatori a tutela della salute dei piccoli pazienti.

 

Link

 

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare