MEDITERRANEO: ELETTO NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO RIDE, FOCUS SU MIGRANTI – Anche legalita’ e cooperazione tra le priorita’ della Rete Italiana del Dialogo Euromediterraneo

 

Roma, 14 set. (Aki) – La Rete Italiana del Dialogo Euro-mediterraneo (Ride) ha eletto a Roma presso la sede del ministero degli Affari  Esteri i nuovi membri del consiglio direttivo nel corso dell’assemblea generale che si è svolta nella data simbolica dell’11 settembre.  Immigrazione, dialogo inter-religioso, legalità e cooperazione internazionale sono stati al centro della discussion costruttiva  sostenuta dai delegati Ride che hanno ribadito l’urgenza di trovare  delle soluzioni per I rifugiati mettendo in agenda nuove politiche di accoglienza.

L’assemblea, che raggruppa 124 associazioni e fondazioni, ha eletto all’unanimità il consiglio direttivo composto da 7 membri elettivi insieme ai 4 membri di diritto. Sono stati eletti: Foad Aodi,  presidente dell’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi), della Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e del Movimento Uniti per Unire’, Salvatore Calleri, president della Fondazione Caponnetto, Giovanni Serra, Presidente della Cooperativa sociale Dignità del Lavoro, Maria Amata Garito, rettore dell’Università telematica internazionale Uninettuno, Janiki Cingoli, direttore del Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente (Cipmo), Enrico Molinaro, presidente dell’Associazione Prospettive Mediterranee e Luigi De Luca, presidente dell’Istituto di Culture Mediterranee, ed avranno il compito di organizzare il programma Ride 2015-2017 con la collaborazione dei membri di diritto, il prof. Michele Capasso, presidente della Fondazione Mediterraneo, il ministro plenipotenziario Enrico Granara, coordinatore delle Attività multilaterali per il Mediterraneo e Medio Oriente presso il Ministero degli Affari Esteri in rappresentanza del Mae, Roberto Russo per Fispmed Onlus e Marco Santangelo per l’Istituto Paralleli del Nord Ovest. (segue)

 

Co-mai new Logo 2015

www.co-mai.org

www.unitiperunire.org

 

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 19/07/24. Immigrazione Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «Agire su due fronti, arginando da una parte l’immigrazione irregolare, ma dall’altra promuovere la buona immigrazione. Due piani distinti che possono cambiare il nostro Presente e il nostro futuro».

Aodi (indagine Amsi-Umem-Uniti per Unire): Tra gli immigrati, che intraprendono il viaggio della speranza che sarebbe meglio chiamare della disperazione, dall’Africa all’Italia, solo il 13% riesce a raggiungere la meta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare