makemefeed: Islam, moschee aperte ai cristiani: “Più di mille adesioni per incontro dell’11 settembre”

 

MeccaArabia_afp

 

Sono “più di mille” le adesioni da parte delle comunità arabe che hanno deciso di aprire le porte ai cristiani – ricambiando l’invito a luglio delle chiese – il prossimo 11 settembre, in occasione della giornata di incontro per dire ‘no’ ad ogni forma di terrorismo. Lo annuncia all’Adnkronos Foad Aodi, presidente delle Comunità arabe in Italia (Co-Mai e Uniti per Unire), il medico palestinese, fondatore e presidente dell’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi). Manca però ancora all’appello la Grande Moschea di Roma che, come spiega, “non ha ancora dato una risposta”.

“C’è stata una grande adesione anche se al momento non hanno ancora risposto la Grande Moschea di Roma e altre due sigle. Confidiamo in una loro risposta positiva: non sarà un momento di preghiera come qualcuno teme ma un momento di riflessione comune per un nuovo rinascimento, senza più divisioni”, argomenta Aodi.

Il presidente delle comunità arabe in Italia ad agosto aveva rivolto un appello al Papa. “Ora gli ho scritto – spiega Aodi – per chiedere nuovamente un suo intervento. A luglio scorso, 23 mila musulmani sono andati nelle chiese (all’indomani della barbara uccisione di padre Jacques in una chiesa di Rouen, ndr) e la cosa è stata molto apprezzata. Nella speranza di una risposta concreta, ci siamo nuovamente appellati al Pontefice”.

Le moschee, come spiega Foad Aodi, apriranno le loro porte “dal nord al sud d’Italia non soltanto nella giornata dell’11 ma anche il 12. Un doppio incontro, a quindici anni dall’attentato alle Torri Gemelle. Le moschee apriranno le porte a visitatori cristiani e laici per mandare un messaggio di pace e sostenere il dialogo interreligioso, anche come strumento contro il terrorismo”.

 

makemefeed

Link

Altri articoli

Salute, Onesti (AISI): «Accordo Regione Puglia con le strutture sanitarie private, con un investimento di 30 milioni di euro, è la strada giusta per uniformare sempre di più sanità pubblica e privata accreditata ed elevare così la qualità delle prestazioni offerte ai cittadini».

ROMA 12 LUG 2024 – «Rilanciare il nostro “Sistema Salute” significa, sempre di più, mettere sullo stesso piano sanità pubblica e sanità privata accreditata, con l’obiettivo di elevare qualitativamente le

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare