LEGA DEI PAESI ARABI ED AMSI : MAGGIORE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E SCAMBIO SOCIO-SANITARI

LEGA DEI PAESI ARABI  ED  AMSI : MAGGIORE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E SCAMBIO SOCIO-SANITARI

Lega dei paesi arabi,Ministeri della salute Arabi, Amsi ed associazioni sanitarie  arabi a favore di una maggiore cooperazione internazionale e scambio socio-sanitari con paesi Europei ,America ed Inghilterra .

Questa è la sintesi del documento finale  della riunione del comitato di esperti ,rappresentati dei Ministeri della Salute dei Paesi Arabi e Rappresentati di associazione mediche arabi in Germania ,Francia,Inghilterra e Stati Uniti  alla quale ha fatto parte per il terzo anno consecutivo il presidente dell’Amsi e Co-mai Prof.Foad Aodi  e si è svolta dal 17.12 al 20.12 a Sharm il Sciek ed è stata convocata ed organizzata sempre dal Dipartimento della salute ed aiuti umanitarie della Lega de Paesi Arabi rappresentato dal Ministro delegato e Direttore Generale dr.ssa Laila Negm nonchè responsabile dell’organizzazione dell’ufficio dei Ministri della salute della Salute Arabi.

Si è discusso durante i tre giorni di vari argomenti ritenute di priorità come la sanità,l’immigrazione dei medici,infermieri ed operatori sanitari arabi ,l’emergenza sanitaria ed umanitaria , la cooperazione internazionale, lo scambio socio-sanitario e come poter coinvolgere di più le associazioni mediche arabe che operano all’estero compreso  l’Amsi, finchè  si possa coordinare,programmare,inviare immediatamente aiuti sanitarie ed umanitarie alle popolazioni bisognosi e migliorare i servizi sanitari nei nostri paesi arabi.

Così riferisce Aodi che ha illustrato nella sua relazione e nei vari interventi le attività’ svolte dall’Amsi e l’aiuto e la disponibilità’ offerta dalle Istituzioni e medici Italiani  in questi campi  e le proposte per coinvolgere ancora di più le Istituzioni ,Università , Associazioni mediche , medici ,infermieri ed operatori sanitari  italiani e di origine straniera ai quale già porge il suo appello finchè  possano dare il loro contributo.

Alla riunione hanno partecipato il Ministro dell’Immigrazione e sudanesi all’estero Dr.Karar Al-Tohami  ,rappresentati di numerosi Ministri della Salute Arabi (Arabia Saudita ,Qatar ,kuwait ,Sudan ,Algeria e numerosi presidenti di associazioni sanitarie arabe (Germania ,Inghilterra ,Francia e Stati Uniti ) dove il presidente Aodi ha avuto incontri bilaterale per intensificare la collaborazione e dare risposte alle numerose richieste avanzate come quella importante inoltrata ,al presidente dell’ Amsi Aodi per potere organizzare tale collaborazione ,dal rappresentante del Ministero della Salute dell’Arabi Saudita per quanto riguardo il fabbisogno di specialisti ed infermieri  nel servizio sanitario e che sono disponibili a trasferirsi per esercitare in Arabia Saudita e che parlano la lingua inglese.

Inoltre e’ stata proposta la costituzione di una federazione mondiale delle associazioni sanitarie arabe di cui soci fondatori le associazioni mediche e sanitarie che hanno partecipato alla riunione e che già fanno parte del comitato scientifico del dipartimento della salute della lega araba convocato la prima volta 3 anni fa’ e  tra cui l’Amsi.

Il documento finale insieme ad altre proposte operative sarà messo in agenda nella riunione dei Ministri delle salute dei paesi arabe che si svolgerà a Marzo del 2013 al Cairo come e’ stato annunciato sia dal Ministro delegato nonchè Direttore Generale Dr.ssa Laila Nagham che dalla Dr.ssa Faika Said Ministro e  Consulente del Segretario Generale della Lega dei Paesi Arabi nel suo discorso introduttivo alla riunione .

http://www.nuovosoldo.it/2012/12/21/121600/

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare