lavocedelpopolo: Co-mai: Scendiamo in piazza uniti contro il terrorismo

 

NotInMyName

 

#notinmyname manifestazione dei musulmani d’Italia sabato 21 novembre a Roma.

ROMA – Dopo le numerose condanne al terrorismo, nel ribadire la sua solidarietà al popolo francese, la Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) aderisce all’appello dei Musulmani d’Italia ed invita tutti i cittadini italiani e stranieri a scendere in piazza alzando la loro voce per partecipare alla
manifestazione“#notinmyname” che si svolgerà sabato 21 novembre in Piazza Santi Apostoli a partire dalle 15.

“Dobbiamo rimanere uniti contro il terrorismo e la violenza feroce che si abbatte sui civili di tutti i Paesi e le religioni, senza distinzioni. Noi musulmani d’Italia – dichiara il Prof. Foad Aodi Presidente di Co-mai, che riporta il forte appello dei Musulmani d’Italia firmato a nome delle Associazioni e Comunità che ne sono parte – condanniamo la strage di Parigi esprimendo il più profondo sentimento di vicinanza al popolo francese ed a tutti i familiari delle vittime, che sono state uccise tanto barbaramente. Il nostro appello vuole indicare una svolta nei rapporti con la società e lo Stato italiano, del quale siamo e ci riteniamo parte integrante. Invitiamo quindi tutti i musulmani, gli ebrei, i cristiani ed i laici ad una mobilitazione che, isolando ogni pur minima forma di radicalismo e di ghettizzazione, protegga in particolare i giovani e le future generazioni dalla predicazione dell’odio e della violenza in nome della religione. Questo cancro che offende e tradisce il messaggio autentico dell’Islam, la fede che viviamo ed interpretiamo, quale via di dialogo e di convivenza pacifica insieme a tutti i nostri concittadini, senza alcuna distinzione di credo, rappresenta oggi il pericolo più feroce per il futuro della nostra società”.

 

lavocedelpopolo

Link

 

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare