L’Amsi triplica le attivita’ internazionale ed amplia i suoi comitati organizzativi e scentifici

A.M.S.I

 
ASSOCIAZIONE MEDICI DI ORIGINE STRANIERA IN  ITALIA 
 

COMUNICATO STAMPA

 

L’Amsi triplica le sue attivita’ nazionale ed internazionale ed amplia i suoi comitati organizzativi e scentifico ;

150 soci del comitato organizzativo ,150 membri del comitato scientifico ,350 convegni svolti e 175 associazioni e società’ scientifiche in 12 anni di attività’ Amsi 

Uniti nella convinzione che soltanto con la concretezza e’ l’unita’ si migliora il presente e si costruisce il nostro futuro vincendo tutte le sfide per l’interesse comune.

Il secondo convegno del quattordicesimo corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare dell’AMSI, ha avuto luogo sabato 23 novembre, presso la Sala Conferenze dell’Ospedale Sandro Pertini.

Il corso, avente ad oggetto l’inquadramento delle urgenze mediche e chirurgiche da trauma stradale, ha riconosciuto ai partecipanti di tutti le professioni 8 crediti formativi ECM.

 “Uniti nella convinzione che soltanto con la concretezza si migliora il presente  e non si tradiscono le aspettative.” E’ così che, con grande emozione, il Presidente dell’AMSI e Fondatore di Uniti per Unire, Foad Aodi, ha aperto il 2 ° Convegno del quattordicesimo corso AMSI. 

 Aodi ha condiviso una stima degli enti organizzativi e delle numerose collaborazioni avviate con associazioni e comunità, evidenziandone il consistente aumento:

150 i nuovi membri del comitato organizzativo, provenienti da ogni parte del mondo ;

150 i membri del comitato scientifico, formato da docenti universitari, ospedalieri e dalla sanità privata;

175 le associazioni mediche e scientifiche italiane e di origine straniera ;

350 i convegni e congressi organizzati  in circa 12 anni dalla costituzione dell’AMSI.

In preparazione numerosi gemellaggi in collaborazione con Uniti per Unire con le citta’ dei nostri paesi di origine 

Tra le vittorie conseguite, l’istituzione del dipartimento di medicina orientale e transculturale e l‘ampliamento dei comitati organizzativo e scientifico  e delle commissioni AMSI riguardanti fisioterapisti, odontoiatri, psicologi e farmacisti rappresentano dei risultati importantissimi a favore dello scambio socio sanitario e la collaborazione interprofessionale.

 

Prima del programma scientifico vi è stato il saluto delle autorità. 

L’Onorevole Augusto Battaglia, ex assessore alla sanità, ha affrontato il tema della circoncisione, dichiarandosi soddisfatto della prima risposta positiva arrivata dalla Regione Lazio per la pratica della circoncisione nelle strutture sanitarie pubbliche, al di fuori della Lea grazie al lavoro congiunto con Amsi ,Uniti per Unire ,Co-mai ,il consigliere regionale Riccardo agostini ed il direttore Regionale Dr.ssa Flori De Grassi.

E’ poi intervenuta Federica Battafarano, portavoce di Uniti per Unire e consigliera del Comune di Cerveteri, che ha comunicato l’apertura anche a Cerveteri di un ambulatorio multiculturale internazionale per dare assistenza medica e sociale specializzata alle diverse migliaia di stranieri che abitano nel territorio. “Non vogliamo lasciare indietro proprio quegli ambiti prioritari quali i diritti e le pari opportunità – ha detto la dott.ssa Battafarano – a seguito del viaggio in Terra Santa di una delegazione di Uniti per Unire, abbiamo recentemente inaugurato un corso di tele-formazione tra alcune strutture sanitarie italiane e palestinesi.”

A nome del sindaco di Roma Capitale era presente la consigliera del Comune di Roma,Erica Battaglia, che ha manifestato la propria volontà di intensificare le collaborazioni nel settore della sanità e delle politiche sociali, essendo presidente della commissione competente.

Al termine dei saluti, ha parlato il rappresentante della clinica Salvator Mundi, dott. Bruno Casaregola , per illustrare l’accordo firmato con l’AMSI ed Uniti per Unire a favore dell’aggiornamento professionale, delle politiche sociali e per l’internazionalizzazione della sanità che tale accordo sara’ prossimamento presentato presso la stessa Clinica 

A nome della numerosa delegazione dell’associazione degli infermieri filippini e della comunità’ filippina in Italia ,il fisioterapista filippino dell’Amsi ,Renil  Lingling Capuno ha ringraziato Amsi ed Uniti per Unire ,Asl Rm F ,Comune di Cerveteri e Comune di Bracciano per avere collaborato insieme ai filippini in Italia  istituendo il comitato “Uniti per l’emergenza nel  Filippine” per raccogliere aiuti tramite punti di raccolta che hanno avuto un grande successo sia a Roma che all’Asl Rm F.

“Vorrei ringraziare tutti – ha concluso Aodi – per il grande successo interprofessionale, internazionale e transculturale di questo incontro incentrato sul trauma stradale e sulla diagnosi ed il trattamento medico chirurgico e riabilitativo, curato da professionisti del comitato scientifico dell’AMSI e di Uniti per Unire . A richiesta dei partecipanti il 15° convegno Amsi dell’anno prossimo sara’ articolato in più convegni, in considerazione dell’apprezzamento ricevuto.”

I contenuti scientifici e le conoscenze culturali e religiose che emergono da questi corsi consentono ai professionisti della sanità italiana di essere sempre aggiornati e preparati davanti a pazienti di diverse culture e tradizioni in un contesto sociale multiculturale.

[flagallery gid=27]

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 19/07/24. Immigrazione Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «Agire su due fronti, arginando da una parte l’immigrazione irregolare, ma dall’altra promuovere la buona immigrazione. Due piani distinti che possono cambiare il nostro Presente e il nostro futuro».

Aodi (indagine Amsi-Umem-Uniti per Unire): Tra gli immigrati, che intraprendono il viaggio della speranza che sarebbe meglio chiamare della disperazione, dall’Africa all’Italia, solo il 13% riesce a raggiungere la meta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare