IMMIGRAZIONE, UNITI PER UNIRE: “AUGURI AL NEO INGEGNERE ANDREA NESERAT, GUARDIAMO AL NOSTRO FUTURO COMUNE CON PIU’ FIDUCIA E SPERANZA”;

Uniti per Unire – Congratulazioni ad Andrea Neserat, studente italo-palestinese nonchè membro dell’Associazione Uniti per Unire, che all’età di 22 anni si è laureato alla triennale di Ingegneria Gestionale presso l’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”.Il giorno 28 ottobre 2014 ha discusso la sua tesi davanti a molti amici, colleghi, familiari e soci dell’Associazione. Il titolo della tesi è “Investire nelle Start up: un rischio da correre per far ripartire l’economia italiana”. Tema della discussione, come sia giunto il momento per l’Italia di intraprendere una “svolta”, investendo nelle start up. Con il termine start up si identificano le neo imprese dove sono in corso alcuni processi organizzativi. Le start up sono la culla dei processi di base che faranno di un piccola impresa una grande impresa, come ad esempio lo studio del mercato per lanciare un determinato prodotto, o lo studio della struttura interna dell’impresa, una sorta di scheletro sul quale si dovrà appoggiare tutta la struttura futura di una impresa. In particolare egli pone l’attenzione, nel campo del digitale, poiché in Italia, tale settore risulta essere poco sviluppato se confrontato con gli altri paese europei.
L’argomento elaborato dall’ingegnere, sottolinea un potenziale tasso di sviluppo nel settore digitale per l’Italia tra i più alti in Europa. Si evidenzia come il mercato italiano attiri i fondi stranieri di investimento, e come ci siano tutte le carte in regola per poter cominciare ad investire con decisione e convinzione nel mondo delle start up.
Si stima che, il divario digitale di circa 60 miliardi di Euro, se colmato, potrà consentire all’Italia di incrementare il proprio PIL dello 0,7% per i prossimi 5 anni. Su queste considerazioni si fonda la tesi esposta da Andrea Neserat, il quale spera che questo suo lavoro possa da un lato fornire dei chiarimenti riguardo a questi argomenti, e dall’altro essere un invito ad investire verso questo settore che, secondo il suo punto di vista potrà far ripartire l’economia italiana.
Andrea ha ringraziato la sua famiglia, la quale lo ha sostenuto sia moralmente che economicamente, tutti gli amici e tutti e i soci di Uniti per Unire che erano presenti alla discussione della sua tesi.

laurea(1)

LINK

Altri articoli

Nessun altro articolo da mostrare