IMMIGRAZIONE – I GIOVANI ARABI IN ITALIA SCENDONO IN CAMPO PER DARE IL LORO CONTRIBUTO E COSTRUIRE INSIEME IL FUTURO IN ITALIA – CONVEGNO 25 MAGGIO A ROMA

“I Giovani sono il nostro Futuro ma principalmente il nostro presente ” Lo sottolinea una nota del COMAI,  la Comunità del mondo arabo in Italia, che annuncia un convegno che vedrà anche i  giovani arabi in Italia scendere in campo per dare il loro contributo a costruire insieme il nostro futuro in Italia “.  E lo faranno il 25 maggio prossimo, in collaborazione con il COMAI nel corso di una Tavola rotonda (ore 16/19 Museo di Roma (Trastevere) dal titolo “I giovani musulmani e l’Italia” .

Interverranno all’incontro giovani arabi per raccontare le loro storie ed interagire con il pubblico a favore della conoscienza culturale e religiosa.

All’iniziativa ha confermato la sua partecipazione ed intervento la delegazione della missione della Lega dei Paesi Arabi in Italia con il Vice Ambasciatore Zouari Zouheir

Sottolinea il COMAI “Ogni anno il comune di Roma organizza la settimana della cultura Islamica a Roma, per un confronto costruttivo di conoscenza e dialogo tra le culture.  La Co-mai  ha aderito anche quest’anno per far  sentire la voce dei giovani arabi

Ad introdurre la Tavola Rotonda saranno Serena Forni dello staff del Sindaco di Roma e Foad Aodi  presidente Co-mai
Presenti  Kamel Belaitouche  “Coordinatore Organizzativo Co-mai”    e  Daoudi Tilouani  “Portavoce  Co-mai ”

Interverranno Nizar Ramadan “Editore ed esperto di comunicazione intereligiosa“ , Shadi Abu Abed “ Studente in Economia”, Habiba  Manaa“ consigliere Co-mai “…  (23/05/2012-ITL/ITNET)

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 19/07/24. Immigrazione Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «Agire su due fronti, arginando da una parte l’immigrazione irregolare, ma dall’altra promuovere la buona immigrazione. Due piani distinti che possono cambiare il nostro Presente e il nostro futuro».

Aodi (indagine Amsi-Umem-Uniti per Unire): Tra gli immigrati, che intraprendono il viaggio della speranza che sarebbe meglio chiamare della disperazione, dall’Africa all’Italia, solo il 13% riesce a raggiungere la meta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare