Immigrazione, Co-mai: “Accogliere immigrati e rifugiati nella grande famiglia umanità, questa la grande sfida del nostro secolo”

 

Più di 7000 immigrati e rifugiati dei quali 2000 musulmani hanno partecipato ieri all’Angelus di Piazza S. Pietro, Papa Francesco  in visita  alla Sinagoga di Roma.

Roma, 18/ 01/ 2016 –  “E’  un  messaggio di speranza, di vita e di solidarietà quello che Papa Francesco ha  rivolto ieri agli oltre 7000 immigrarti  provenienti da 30 Paesi  e professanti diverse religioni che hanno partecipato all’Angelus di Piazza S. Pietro, nel corso della 102a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.  Tra di loro, 2000 erano musulmani. Il Santo Padre ha definito la loro presenza in Vaticano  un  “segno della speranza di Dio”,  esortando  tutti all’accoglienza di chi è  “portatore di storia, di cultura e di valori preziosi, ma troppo spesso anche di esperienze di dolore e di miseria”.

Gesti di umanità che invitano con dolcezza al dialogo tra i popoli, le culture e le religioni, caratterizzano il discorso del Pontefice in visita alla Sinagoga di Roma, avvenuta nella stessa giornata , che si apre con il ringraziamento in ebraico alla Comunità ebraica di Roma per la calorosa accoglienza: “Conflitti, guerre, violenze ed ingiustizie aprono ferite profonde dell’umanità e ci chiamano a rafforzare l’impegno per la pace e la giustizia. La giustizia dell’uomo nei confronti dell’uomo è in contraddizione con ogni religione degna di questo nome, specialmente con i tre grandi monoteismi”.

Foad Aodi, Focal Point per l’integrazione in Italia per l’Agenzia dell’Onu Unaoc, Presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e del Movimento Internazionale “Uniti per Unire”, ha commentato dal Vaticano: “Cristiani, musulmani, ebrei, laici, immigrati e rifugiati hanno avuto oggi a Roma una grande vittoria sul terrorismo. Il dialogo esiste per quanto “il consorzio del terrore” cerchi di spezzare vite e speranze. Mentre in Siria l’Isis continua a mietere vittime nella città di Deir Ezzor, dove sono morti oltre 300 civili, gli arabi e i musulmani in Italia non rispondono alle sue chiamate, ma condannano questi crimini contro l’umanità e  si uniscono ai cristiani per lanciare con forza l’appello “#tuttiunitiperlapace“.

“Vogliamo accogliere immigrati e rifugiati nella nostra grande famiglia umanità, consentendo il loro inserimento e la loro integrazione in Italia e in Europa grazie anche al progetto congiunto “Istruzione Senza Confini”, che stiamo portando avanti in partnership con  l’Università Telematica Internazionale UNINETTUNO, per l’apertura di sportelli online per immigrati e rifugiati. Continua anche oggi  la grande sfida del nostro secolo che si chiama accoglienza. Uniti possiamo sconfiggere la paura che accresce il pregiudizio e che allo stesso tempo può contribuire alla crescita dei nostri comuni nemici”.

Vi ringraziamo della cortese attenzione e della collaborazione preziosa.

 

Cordialmente,

 

Elena Rossi

Responsabile Ufficio Stampa 

AMSI, Co-mai,  Uniti per Unire 

www.unitiperunire.org  / www.amsimed.org  /  www.co-mai.org  /  www.uninettunouniversity.net

 

Co-mai new Logo 2015

unitiperunire logo 2015

www.co-mai.org

www.unitiperunire.org

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare