Immigrazione, Amsi ,Basta Morti ,Basta Morti, Basta Morti ,Servono soluzioni concrete

Associazione Medici di origine Straniera in Italia
 
Comunicato Stampa Amsi
Immigrazione, Amsi ,Basta Morti ,Basta Morti, Basta Morti ,Servono soluzioni concrete 

Amsi, Immigrazione: “Bisogna fermare “il cimitero del mare” con una legge dell’immigrazione europea, mediante  accordi bilaterali ed una Casa della Salute internazionale per affrontare le emergenze sanitarie e le cure delle patologie più emergenti”.
 
Queste le proposte avanzate da Foad Aodi, Presidente dell’Amsi ,Associazione dei medici di origine straniera in italia, a seguito dell’ennesima tragedia avvenuta in mare. Ancora una volta a morire sono stati gli immigrati che sono due volte vittime, dello sfruttamento che subiscono dai trafficanti di esseri umani, e del mare, ormai divenuto un cimitero a cielo aperto.
Non si può andare avanti contando i morti ogni giorno, bisogna porre soluzioni adeguate e combattere l’immigrazione irregolare.  Occorre definire il principio dei diritti e doveri, e di diritti umani tramite una legge europea per l’immigrazione basata sull’immigrazione programma, qualificata e sulla tutela del diritto alla salute.
“l’Amsi si impegna da anni a favore della buona immigrazione. Se non si interviene immediatamente, in modo concreto e determinato nella gestione del fenomeno-immigrazione, il rischio è che saltino tutti gli equilibri nazionali ed internazionali”. Conclude  Aodi denunciando la nostra sofferenza per le vittime e la abbia e l’indegnazione  per i politicanti che strumentalizzano la pelle  e la morti degli immigrati come ormai fa’ Salvini tutti i giorni.
 
Ufficio Stampa Amsi e Uniti X  Unire 
Elena Rossi 
 
Il Presidente 
Foad Aodi 
 
lampdusa

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare