iltirreno-gelocal: Islamici in chiesa contro l’odio

 

image

 

In Italia e in Francia musulmani alle messe. Il Papa ai giovani a Cracovia: “Dio tocchi il cuore di chi usa la violenza”

ROMA. Uniti contro l’odio, nel giorno santo per i cristiani. Imam e fedeli musulmani saranno domenica 31 luglio nelle chiese d’Italia e di Francia per manifestare con un gesto rivoluzionario solidarietà ai «fratelli» cattolici dopo il barbaro omicidio di padre Jacques Hamel in Normandia, e condannare il terrorismo fondamentalista. Da Cracovia, cuore della Giornata mondiale della Gioventù, alla vigilia dell’iniziativa, si è alzata la preghiera di papa Francesco: «Tocca i cuori dei terroristi, affinché riconoscano il male delle loro azioni e tornino sulla via della pace e del bene, del rispetto per la vita e della dignità di ogni uomo, indipendentemente dalla religione» ha scritto il pontefice in una preghiera lasciata nella chiesa di San Francesco, auspicando che le persone ferite negli attentati e i familiari delle vittime trovino «il coraggio per continuare a essere fratelli e sorelle per gli altri, soprattutto per gli immigrati». «Niente giustifica la guerra» ha ribadito poi.

L’appello a unirsi alle celebrazioni dei cattolici – lanciato in Francia dall’Istituto di alti studi islamici – è stato raccolto nel nostro Paese dalle principali associazioni di culto musulmane: «Assassinare un sacerdote è come colpire l’umanità intera» dichiara l’imam di Firenze e presidente dell’Ucoii, Izzedin Elzir, che sarà in Duomo alle 12. Abdullah Cozzolino, segretario generale della Confederazione islamica italiana (Cii) annuncia che i delegati regionali saranno nelle chiese «per esprimere cordoglio e dare testimonianza concreta di fratellanza spirituale».

Delegati della Coreis, la Comunità religiosa islamica, porteranno il loro saluto a vescovi e parroci a Roma, Milano, Novara, Genova, Verona, Sondrio, Ventimiglia, Brescia, Vicenza, Siena, Fermo, Siena, Piacenza, Brindisi, Palermo, Agrigento: «È fondamentale dare un segno di profondo rispetto della sacralità dei riti, dei ministri e dei luoghi di culto del cristianesimo».

A Bari il presidente della Comunità islamica d’Italia, Sharif Lorenzini, guiderà un breve momento di preghiera prima della celebrazione in Cattedrale: «Stiamo soffrendo anche noi, vogliamo dare un segnale per allontanare chi ci vuole dividere seminando terrore». Foad Aodi, presidente delle Comunità del mondo arabo in Italia (Comai), che parteciperà alla messa a Cesenatico, invita i musulmani a non spaccarsi: «Serve una risposta corale e forte» mentre, sottolinea, «a Torino e a Roma c’è invece chi prende le distanze dall’ iniziativa».

Ma l’adesione è ampia: a Roma tre imam parteciperanno alla messa della comunità di Sant’Egidio. L’imam del Trentino Alto Adige Aboulkheir Breigheche sarà in cattedrale a Trento: «Un gesto straordinario che ci pone insieme sulla strada di chi non accetta violenza in nome di Dio» dice il vescovo Lauro Tisi. L’imam di Genova Hussain Salah sarà in cattedrale. L’arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco, presidente della Cei, si dice grato: «Spero che facciano sentire la loro voce in modo unitario» perché «non è una guerra di religione» e le «frange omicide» devono essere condannate dallo stesso mondo musulmano». Ma non c’è motivo, sottolinea, «di militarizzare le chiese».

In Francia manifestazioni di solidarietà si sono svolte ieri a Tolosa, La Rochelle, Périgueux e Bordeaux mentre oggi esponenti della comunità islamica saranno in chiesa a Parigi, Lione, Marsiglia, Rennes, Lille, Tolone. Nella città ferita, Saint-Etienne-du-Rouvray, intanto, l’imam ha negato la sepoltura ad Adel Kermiche, il killer 19enne che con Abdel Petitjean ha ucciso padre Hamel: «Non vogliamo macchiare l’Islam con questa persona» ha detto Mohammed Karabila, presidente del Consiglio di Normandia e amico del sacerdote. Emerge intanto che un ragazzo di 17 anni amico di Kermiche, con il quale aveva tentato di raggiungere la Siria, è stato arrestato a Ginevra: il 12 luglio aveva tentato di nuovo di partire, ma era stato estradato in Francia. Rilasciato invece il 16enne arrestato dopo l’attacco.

 

iltirreno-gelocal

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare