golfpeople: Comunicato Stampa Co-mai, Kenya, Co-mai:”Con il massacro dei giovani kenioti si spezza il futuro della Società civile. Per colpa del ‘consorzio del terrore’”.

Co-mai

La Comunità del Mondo arabo in Italia

جالية العالم العربي في إيطاليا

Comunicato Stampa Co-mai

Kenya, Co-mai:”Con il massacro dei giovani kenioti si  spezza il futuro  della Società civile. Per colpa del ‘consorzio del terrore’”.

L’odio religioso dei movimenti estremisti si riversa ancora in azioni terroristiche.  Stavolta  si è abbattuto contro i giovani.  Così gli estremisti cercano di accreditarsi e di ritagliarsi un ruolo nel “consorzio del terrore” mondiale a discapito della civiltà e della religione. Ieri, mentre il sole sorgeva nella città di Garissa, in Kenya,  a 150 Km dal confine con la Somalia, un commando armato di jihadisti ha fatto irruzione in un college universitario.  A seguito di una catena di esplosioni, sono stati confermati  dal ministro dell’interno keniota 147 morti. Queste persone non hanno più visto un’alba. Una violenza senza limiti ha segnato l’irruzione, dai quattro terroristi che si sono fatti esplodere nel college, ai jihadisti che sono penetrati nei dormitori trattenendo come osteggi gli studenti cristiani per tutto il giorno.    Una giornata senza fine che si è conclusa dopo le 20:00 dopo un arduo scontro con la polizia locale. L’attentato è stato rivendicato dai miliziani islamici di al-Shabaab. “Non c’è limite all’odio umano ed alla violenza”, commenta tristemente il Prof. Foad Aodi, Presidente della Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai).

“Questo è solo un singolo episodio di una catena di violenze che è sempre più lunga.  Cresce con il crescere del ‘consorzio del terrore’ dell’Isis e dei movimenti estremisti in Iraq, Siria, Libia, Somalia, Kenia, Yemen ed altri Paesi. Massacrare dei giovani in base alla loro appartenenza religiosa e’ una vergogna enorme, segna una grave sconfitta per  l’umanità. Con il massacro dei giovani kenioti si spezza il futuro della la Società Civile. Ribadiamo la nostra ferma condanna nei confronti dell’Isis e di  qualsiasi movimento terrorista che distrugga l’equilibrio e la convivenza armoniosa tra i popoli. Non c’è più tempo per le parole, dobbiamo  lavorare assieme alla diplomazia internazionale per contrastare questi movimenti partendo dalle radici del problema offrendo servizi dove sia indispensabile contrastando il razzismo religioso, l’ignoranza e l’immigrazione illegale. Dobbiamo combattere le guerre e gli scontri che sono in atto su vari livelli, diplomatico, religioso ,popolare, civile e culturale per isolare il terrorismo ed asciugare il campo in cui nuota il consorzio del terrore. Solo così  toglieremo ogni alibi ai terroristi ed forma di sostegno economico e mediatico. E’ una vergogna che nell’arco del 2014 più di 5000 cristiani siano state uccise e numerosi musulmani ,copti ed ebrei discriminati ed uccisi per la loro fede religiosa .Va fermato il massacro e lo scontro religioso.

La Comunità del Mondo Arabo in Italia mostra tutta la sua solidarietà nei confronti delle famiglie delle vittime di Garissa, e si augura che con questa Pasqua, se pure vivendo un incommensurabile dolore, possano ritrovare almeno un barlume di pace e di speranza”.  Aggiunge il Presidente Aodi.

Cordiali Saluti

Ufficio Stampa Co-mai

Elena Rossi

www.co-mai.org

www.lasvolta.info

www.unitiperunire.org

golf

Link

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 24/05/24. Impegno sociale, cooperazione internazionale, solidarietà, salute globale, lotta contro la violenza per difendere le donne. La partecipazione a tre eventi-dibattiti in un solo giorno testimoniamo la forza degli obiettivi di Amsi, Umem e Uniti per Unire. (La Voce del Parlamento.it).

Aodi: «Sono stato relatore e moderatore, il 23 maggio, di tre convegni, su temi come Salute Globale Internazionale e Difesa dei Diritti delle Donne e Lotta alla violenza di gruppo.

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare