Giubileo, Foad Aodi (Co-mai): “Auguri a Papa Francesco e ai cristiani. Dopo #Notinmyname lanciamo l’appello #TuttiunitiperilGiubileo”

 

foad

 

“Le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) esprimono i loro auguri a Papa Francesco e a tutti i cristiani per questo Giubileo. Ci auguriamo che l’Anno Santo scorra all’insegna della pace per i cristiani, i musulmani, gli ebrei e i laici,  e che sia possibile una convivenza collaborativa tra le diverse culture e religioni, basata sul rispetto reciproco e sull’accettazione delle differenze”. Questo il messaggio di Foad Aodi, Presidente della Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e Focal Point per l’integrazione presso l’Agenzia Onu UNAOC, alla vigilia di questo Giubileo straordinario dedicato al tema della Misericordia. L’Anno Santo   avrà inizio il giorno 8 dicembre – l’Immacolata Concezione –  e si concluderà il 20 novembre 2016. E’ l’occasione per i fedeli di ricevere l’indulgenza, il perdono dai peccati commessi, che porta alla riconciliazione con l’amore di Dio e del prossimo.

Dall’augurio di pace universale di Aodi emerge la chiara volontà di rafforzare il dialogo inter-religioso e la cooperazione interna  tra italiani e stranieri  in risposta alle ripetute stragi targate Isis: “Dopo “Not in my name”, lanciamo l’appello “TuttiUnitiperilGiubileo” invitando i musulmani ed arabi d’Italia, i cittadini italiani e di origine straniera, a collaborare con le Istituzioni italiane, riportando loro qualsiasi caso sospetto di pericolo. Siamo tutti i difensori del Giubileo, della sicurezza e dell’armonia in Italia”.
Dalle parole del Presidente di Co-mai, dell’AMSI (Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia) e del Movimento di Uniti per Unire, nell’unione per il Giubileo si trova la via di armonia e insieme la via di opposizione al “cancro” del terrorismo.  “il Giubileo –  prosegue –  deve essere  un’occasione storica per avvicinare i cittadini italiani e i cittadini di origine straniera alle Istituzioni, per intensificare la collaborazione contro i pregiudizi e le strumentalizzazioni della politica. Serve una maggiore unione contro la guerra civile e psicologica voluta dall’Isis. Questa guerra cresce ogni giorno al crescere del  “franchising” del terrore realizzato da tutti i suoi affiliati, dai “lupi solitari”  del “consorzio del terrore” dell’Isis. Sono loro i nostri più grandi nemici in Occidente, dobbiamo combatterli attraverso politiche anti-radicalizzazione e anti-strumentalizzazione politica”.
Proprio nel quadro delle strumentalizzazioni,  Aodi si definisce contrario a qualsiasi travisamento del senso puro della religione islamica, citando come esempio la decisione di sospendere i canti natalizi presso una scuola del nord per non causare disturbo ai “non cristiani”.  “Non c’entra  affatto con la religione islamica” – sottolinea – “nessun musulmano sarebbe stato contrario. Il Natale e i canti natalizi sono molto rispettati dall’Islam e dai musulmani, come  è per tutti i cittadini che seguono altre religioni. Consiglio a  chiunque lavori presso un’istituzione pubblica, e a tutti coloro che per estensione divulgano una notizia,  di non travisare il valore della religione e la sua vera storia “.
Cordiali Saluti

Elena Rossi

Responsabile Ufficio Stampa Co-mai, AMSI e Uniti per Unire
www.co-mai.org

www.amsimed.org

www.unitiperunire.org

Chi desidera di non ricevere la nostra newsletter può scrivere cancella al seguente indirizzo e-mail:

ufficiostampapresidenza@hotmail.com

 
Appello Co-mai #TuttiUnitiperilGiublieo

 

Co-mai new Logo 2015

unitiperunire logo 2015

www.co-mai.org

www.unitiperunire.org

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare