(BussolaSanita) Giornata mondiale del rifugiato, Sosteniamo chi e’ in difficolta’; Sosteniamo i bambini e le donne che soffrono

Immigrazione, bambini aumentati di dieci volte in un anno

Secondi i dati di Save the children, nel 2014 sono arrivati in Sicilia 860 minorenni. Un fenomeno con implicazioni su sanità nazionale e politica internazionale

Secondi i dati dell’associazione “Save the Children”, durante i primi 60 giorni del 2014, circa 860 minori sono sbarcati sulle coste siciliane. Un dato decuplicato rispetto a quello registrato durante lo stesso periodo dell’anno precedente. Si tratta di un fenomeno preoccupante sotto molti punti di vista, sia sanitari che umanitari. Ne abbiamo parlato con Foad Aodi presidente dell’Amsi(Associazione medici stranieri in Italia), di Co-mai (Comunità del mondo arabo in Italia) e fondatore di Uniti per unire.

Indispensabile un nuovo approccio. Il tema dell’immigrazione di persone minorenni è stato uno dei temi centrali che è stato trattato nei giorni scorsi a Palermo durante i lavori del congresso della Sip (Società italiana di pediatria). Gli specialisti della salute dei bambini hanno posto l’accento sui problemi che questa particolare categoria di pazienti pone al momentodell’arrivo sulle nostre coste. “Oltre ai numeri – ha affermato il presidente della Sip Giovanni Corsello – sta cambiando la tipologia del minore migrante. La crisi economica del nostro Paese scoraggia l’immigrazione deinuclei familiari in cerca di opportunità di lavoro, mentre cresce la componente di adolescenti in fuga da guerre, non accompagnati, figli di profughi e richiedenti asilo. Sono soggetti portatori di nuove esigenze di salute. Come pediatri sempre di più avvertiamo la sfida di una medicina ‘transculturale’ in grado di dare risposte alle loro esigenze”.

Una tema da affrontare a livello internazionale. A queste dichiarazioni hanno fatto eco quelle rilasciate a Bussola Sanità da Foad Aodi. “Ti fronte all’esplodere di questo fenomeno – ha affermato il presidente dell’Amsi – crediamo sia necessario intraprendere misure efficaci, anche a livello internazionale. Secondo quanto riferiscono anche gli stessi giovani immigrati, nei loro paesi sono attive organizzazioni criminali che praticano unapropaganda senza scrupoli. Queste persone mostrano ai bambini le foto diimmigrati felici in Italia alimentando l’illusione che nel nostro Paese e in Europa ci sia lavoro e posto per tutti. Un’azione criminale che alimenta, tra l’altro, il mercato clandestino degli organi da trapiantare, oltre al mondo sommerso degli ambulatori gestiti segretamente e senza nessuna tutela igienica. Riteniamo indispensabile che il sistema sanitario italiano e di tutti i paesi occidentali si debba rimodulare per garantire la tutela dei bambini che cadono vittima degli scafisti e dei loro mandanti”.

Link

785_Foto_701

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare