Foad Aodi (Co-mai e Amsi) su morte Amos Oz

“Abbiamo perso un grande uomo di pace, promotore di dialogo e di convivenza tra palestinesi e israeliani”

Josè Martino (Messina, 1948) – “Michanismós ton Andikithíron” – tecnica mista su tela

Così il fondatore delle Comunità del mondo arabo (Co-mai) e dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e della Confederazione Internazionale Laica Interreligiosa Laica Interreligiosa (Cili-Italia) commenta la triste notizia della scomparsa dello scrittore israeliano Amos Oz esprimendo condoglianze alla famiglia e apprezzando e riconoscendo il ruolo avuto da Amos Oz in modo coraggioso e obbiettivo in questi anni a favore del vero dialogo e la pace duratura e la convivenza pacifica tra palestinesi e israeliani.

Abbiamo perso Amos Oz in un momento di crisi del processo di pace e ci auguriamo ,proprio per questo, di onorare il suo impegno e coraggio. Dopo l’appello di Papa Francesco in favore della Pace ci auguriamo- continua Aodi – che si possa finalmente e concretamente riprendere il processo di pace tra israeliani e palestinesi e realizzare il sogno di tanti,due stati per due popoli.

Source site

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare