Faod Aodi (Amsi e Co-mai) : “Chiediamo svolte vere e concrete su leggi immigrazione e cittadinanza

Lettere in Redazione. Roma – In questi giorni abbiamo letto numerose

alt

dichiarazioni riguardanti la legge di cittadinanza da estendere ai bambini immigrati nati in Italia che giudichiamo un’iniziativa politica
lodevole

Però, d’altro canto, va anche ribadito che ormai sono maturi i tempi per cui le proposte debbano essere approvate dal parlamento. Mi riferisco in particolar modo alla concessione della cittadinanza ai bambini immigrati nati in italia ed anche a quella di abbrreviare per gli immigrati adulti il periodo di tempo da attendere prima di poter richiedere la cittadinanza italiana, passando dagli attuali 10 anni ai cinque. Infine, va pure sostenuta una legge che estenda la possibilità di partecipare ai concorsi pubblici anche agli stranieri che possiedono già la carta di soggiorno. Una proposta che noi abbiamo formalizzato nel progetto” oltre l’integrazione” ed indicata al governo Monti.
Così come abbiamo ribadito a più riprese di modificare la legge Bossi Fini . Alla luce di queste urgenti necessità legislative non c’è altro tempo da perdere. Bisogna passare dalla fase prettamente teorica esternata prevalentemente nelle dichiarazioni rilasciate ai giornali a quella dei fatti concreti che deve essere attuata in parlamento, ossia nel luogo deputato dove le proposte approvate si trasformano in leggi dello Stato italiano.
I nostri giovani sostengono che la loro doppia identità e le diverse origini rappresentano una ricchezza, non un conflitto

Foad Aodi

Presidente Amsi e Co-mai

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare