Esciti: Libia,Co-mai:“No ad altre vittime, sì all’azione diplomatica del Governo Italiano per istituire un Governo unitario nazionale”

Iniziato / mariam abdelmaseeh
Nel corso delle ultime ore si è aggravata la situazione in Libia. Secondo i dati trasmessi a Co-mai da fonti mediche e civili libiche di massima fiducia contiamo ad oggi 1000 militari dell”Isis presenti nel territorio libico concentrati su tre città: Sirte, Derna ed Al Beyda.
Al contrario dell’esercito di Gheddafi, questi militari sono tutti armati e ben addestrati, provengono da Tunisia, Ciad, Mauritania e Serbia. Il 50% di questi “soldati della morte” sono mercenari.
La Comunità del Mondo Arabo in Italia apprezza l’operazione diplomatica intrapresa dal Governo Italiano e ribadita oggi dal Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni . Quella che lavora con il supporto della diplomazia internazionale per la realizzazione di un Governo di unità nel Paese, proprio quando tutti i cittadini libici sono già preparati ad una Libia federale per colpa della continua e grave instabilità politica e guerra civile.
“L’Isis è ben organizzata”, afferma il Presidente della Co-mai Prof. Foad Aodi.
“l”Isis ha esteso il suo raggio di azione occupando tre città e mettendo mano sull’immigrazione, cosa che aggrava ulteriormente lo stato delle cose. Fonti attendibili ci hanno rivelato che il prezzo per il transito di un essere umano è di circa 2000 Euro, di 4000 se comprendente la sua famiglia”. Dichiara il Presidente Aodi e ribadisce: “No ad altre vittime  ed azioni militari avventate come in Iraq ,in Afghanistan ed il Libia dell”epoca di Gheddafi. Sì ad un’azione diplomatica mirata e condivisa a livello internazionale per la Libia, per l’istituzione di un Governo unitario che unisce i due Governi libici gia” esistenti e per limitare l”avanzamento dell”Isis.
Per quanto riguarda l’immigrazione è necessario un maggior coinvolgimento dei nostri paesi di origine ,della Lega dei paesi arabi e delle Comunità arabe e straniere in Italia perché  promuovano un dialogo concreto e proposte congiunte di comune utilità.  Per contrastare l’immigrazione illegale dobbiamo basarci sugli Accordi Bilaterali che hanno portato risultati estremamente positivi in Tunisia”.

FOAD AUDY 3456x

Link

Altri articoli

Nessun altro articolo da mostrare