eleutero: Tragedia migranti, Foad Aodi (Amsi): «Una ecatombe che pesa»

Tragedia migranti, Foad Aodi (Amsi): «Una ecatombe che pesa»

E’ una ecatombe che pesa e peserà sulla coscienza di chi non ha cuore, la sensibilità e la competenza di trovare soluzioni urgenti“.

Cosi l’Amsi, associazione medici di origine straniera in Italia e Co-mai, la comunità del mondo arabo in Italia tramite il presidente Foad Aodi commenta la tragedia di immigrati più grave di sempre che “peserà molto sulle coscienze addormentate, sulle coscienze disumane, sulle coscienze irresponsabili, su quelli che hanno scelto di non decidere per fermare le tragedie nel mare, su quelli che non perdono occasione per strumentalizzare sulle morti degli immigrati e le loro tragedie, sugli scafisti, sui trafficanti degli esseri umani, sui trafficanti degli organi dei bambini, sulla Commissione europea e sui politici incompetenti che utilizzano le tragedie per fini mediatici“.

L’Amsi , Co-mai ed Uniti per Unire chiedono urgentemente la convocazione di un vertice europeo con l’Onu per trovare soluzioni immediate per fermare le continue morti che hanno trasformato in un cimitero il mare tramite una legge per l’immigrazione europea basata sui diritti e doveri e sul flusso degli immigrati in europa e non solo in Italia. Chiede di istituire campi di accoglienza nei posti di transito, di risolvere la questione libica e la sua stabilizzazione, promuovere gli accordi bilaterali tra i paesi interessati, e di accogliere le proposte contenute nei loro progetti “La buona immigrazione” e “La buona sanità” che vanno dall’immigrazione programmata e qualificata alla vera cooperazione internazionale nei paesi di origine per ridurre il numero delle partenze e aiutare chi è in difficoltà, salvaguardando il diritto alla salute e a una vita dignitosa.

foad aodi

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare