dire: Medici stranieri, incontro Amsi-Sileri: “Tuteliamo insieme diritto universale alla salute”

 

(DIRE) Roma, 7 set. – L’Amsi-Associazione medici stranieri in Italia, guidata dal presidente Foad Aodi, ha incontrato il presidente della Commissione Igiene e Sanita’ del Senato, Pierpaolo Sileri (M5s). Tutelare il diritto universale alla salute, promuovere campagne di prevenzione e sensibilizzazione sulle patologie emergenti per incentivare l’aggiornamento professionale. Sono stati questi alcuni punti del Manifesto di ‘Buona sanita’ internazionale’ al centro del colloquio.

“Si’ a gemellaggi universitari, si’ a una collaborazione sul fronte della ricerca e dell’aggiornamento professionale. In un mondo globalizzato, in continuo cambiamento, anche la sanita’ deve fare la sua parte” ha commentato Sileri.

Aodi, anche consigliere dell’Omceo Roma, ha illustrato e discusso il Manifesto, apprezzando la grande disponibilita’ di Sileri ad ascoltare e approfondire i punti proposti. “E’ un momento molto delicato per il Ssn- ha detto poi il presidente di Amsi- e per l’esercizio della professione dei medici, infermieri, fisioterapisti, farmacisti, odontoiatri e gli altri professionisti della sanita’ per la grave mancanza di medici ed infermieri, per le continue aggressioni contro i professionisti della sanita’, l’aumento del costo della medicina difensiva, le cure fai di te e l’allarmismo che si crea sulla salute dei cittadini di origine straniera e dei migranti”.

L’Amsi, ha aggiunto, “nei primi 8 mesi dell’anno ha ricevuto piu’ di 200 richieste di medici e professionisti della sanita’ di origine straniera per poter esercitare presso le strutture sanitarie pubbliche e private e tali richieste sono in continua crescita. Ci preoccupa molto anche perche’ le domande da parte dei medici italiani giovani sono altrettanto in crescita all’Amsi per poter esercitare all’estero. Bisogna lavorare in questo senso per rendere la professione medica sempre piu’ internazionale”.

 

Link

 

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 19/07/24. Immigrazione Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «Agire su due fronti, arginando da una parte l’immigrazione irregolare, ma dall’altra promuovere la buona immigrazione. Due piani distinti che possono cambiare il nostro Presente e il nostro futuro».

Aodi (indagine Amsi-Umem-Uniti per Unire): Tra gli immigrati, che intraprendono il viaggio della speranza che sarebbe meglio chiamare della disperazione, dall’Africa all’Italia, solo il 13% riesce a raggiungere la meta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare