di-roma: Cristiani invitati nelle comunita’ islamiche italiane, ma la grande Moschea di Roma resta chiusa ai non musulmani

 

Se la Grande Moschea di Roma chiude le porte ai cristiani, l’11 e il 12 settembre oltre 2.000 comunità aderiranno all’iniziativa Co-mai di unione fra mondo islamico, laici e fedeli di altre religioni, a cominciare proprio dagli stessi cristiani. Moschee e altre realtà musulmane aperte a tutti

Grazie a tutti coloro che sostengono la nostra sfida che si è tradotta in un’iniziativa concreta, nata dall’esigenza  di dare voce alle Comunità e Associazioni arabe, musulmane, religiose e laiche e di dimostrare in maniera concreta – tutt’altro che virtuale – che il mondo arabo e musulmano è aperto al dialogo e si unisce contro il terrorismo con tutti quanti, musulmani, cristiani, osservanti altre fedi o laici, vogliano abbattere il muro della paura“.

Foad Aodi presidente Comai b

 

Queste le parole di Foad Aodi, presidente Co-mai, le Comunità del Mondo Arabo in Italia e del Movimento Internazionale Uniti per Unire. Aodi si rivolge agli oltre 2000 aderenti all’iniziativa#Cristianinmoschea, lanciata dalle Co-mai e Uniti per Unire e che avrà luogo nelle diverse regioni italiane l’11 e il 12 di settembre.

Domenica le moschee aderenti invitano i visitatori provenienti dai diversi Paesi, sia appartenenti a tutte le religioni sia laici, a scambiarsi un messaggio di pace a partire dalle 17.

Lunedì 12 setttembre le moschee restano aperte dalle ore 9 per uno scambio di auguri per la ricorrenza delle Festività musulmana dell’Eid Al Adha.

Il Presidente di Co-mai annuncia che si troverà l’11 di settembre alla Moschea di Al Fath di Roma, in via della Magliana 76, alle ore 17. “Ci riconosciamo nei principi del rispetto, della libertà, della democrazia – prosegue Foad Aodi – e dell’unione dei quali la nostra iniziativa è il frutto. #Cristianinmoschea è una risposta religiosa, laica e civile, nata con spontaneità e aperta a tutti. Ho scritto a Papa Francesco con il cuore e a nome di migliaia di persone che hanno amplificato la mia voce, senza l’obbligo di chiedere il permesso a qualcuno. Abbiamo invitato tutte le Moschee e Comunità Arabe e Musulmane d’Italia a unirsi a noi senza distinzione alcuna; la lista degli aderenti, in continuo aggiornamento, è stata resa nota ai giornali e alle Autorità”.

“Non cadiamo nelle provocazioni di chi cerca di boicottarci – prosegue il presidente delle comunità musulmane in Italia – anzi, speriamo che questa azione possa essere il primo passo per una maggiore apertura e collaborazione tra le Associazioni e Comunità religiose e laiche, con l’augurio che tutte siano poste sullo stesso piano… Nessuno può privarci della facoltà di lanciare un appello o un’iniziativa per la pace e il dialogo. Come italiano di origine araba, palestinese e di religione musulmana, sono fiero che non solo numerose Associazioni e moschee italiane ci abbiano seguito, ma che saranno con noi anche i cattolici e i laici, i Segretari nazionali di CGL e UIL, i rappresentanti delle Istituzioni, delle Ambasciate straniere in Italia, delle Ong, del Mondo della Sanità, dell’Università e della ricerca che ringrazio sinceramente”.

“L’onda che è nata dal 31 luglio – conclude Foad Aodi – quando i musulmani sono entrati in Chiesa per pregare assieme ai cristiani per le vittime del terrore aderendo all’iniziativa #Musulmaninchiesa, vive nella forza di un popolo che è fatto di tutti i popoli. Continuiamo nel nostro lavoro con forza e coraggio mettendo la nostra faccia per dire sì all’unione tra i popoli e le religioni e no al terrorismo e alle strumentalizzazioni del mondo arabo e islamico”.

Nella Moschea di Al Fath si uniranno ad Aodi, oltre ai presidenti di comunità, ong e associazioni arabe, musulmane e di origine straniera, anche l’Ambasciatrice di Malta in Italia e il Segretario Generale di UIL, Carmelo Barbagallo.

“È un’iniziativa che condividiamo pienamente – ha detto Barbagallo – tant’è che come Uil avevamo proposto, alcuni mesi fa, di celebrare un Primo maggio multi-religioso. Io stesso avevo incontrato rappresentanti e vertici di alcune religioni, anche di quella musulmana, che avevano apprezzato la nostra proposta e si erano dichiarati disponibili a partecipare. Ora che il Professor Foad Aodi si è fatto promotore di un’analoga iniziativa, aderiamo e partecipiamo volentieri e convintamente. Pur avendo le nostre radici in una cultura laica, crediamo profondamente nel valore sociale e umano di tutte le religioni che devono collaborare per la crescita morale e lo sviluppo del mondo. Non si può uccidere o commettere violenze in nome di un Dio: è un’inaccettabile contraddizione in termini. Lavoriamo, dunque, tutti insieme per il dialogo e il rispetto reciproco”.

La grande adesione all’appello Co-mai e Uniti per Unire è il risultato di oltre 15 anni di lavoro che ha visto realizzare circa 500 convegni sui sanità, immigrazione, dialogo interculturale inter-religioso e cooperazione internazionale, portato avanti dall’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), fondata nel 2000, dalle Comunità del Mondo Arabo in Italia, istituite nel 2008 e dal Movimento Uniti per Unire, (nato nel 2012), in collaborazione con numerose comunità e associazioni italiane e di origine straniera, assieme a organizzazioni e università, con l’Ordine dei Medici di Roma e con la Federazione Nazionale degli Ordini dei  Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO).

Le Moschee

Elenco per regione delle Moschee aderenti all’iniziativa dell’11 settembre ore 17/20 per lo scambio di un messaggio di pace e di solidarietà a favore del dialogo e della conoscenza

 

Piemonte:

Centro Mecca Interculturale (V. Botticelli 104 – Torino);

Moschea il Medina (V. Sesia 1 Torino);

Moschea al Yamama (Strada della Cacce – Torino);

 

Lombardia:

Associazione Sabil (Via Menotti Serrati 96 – San Giuliano Milanese);

 

Emilia Romagna:

Centro di Cultura e Studi Islamici della Romagna e Moschea Assalam (Via Guido Rossa 12 – Ravenna);

Centro Islamico di Reggio Emilia e provincia (V. Monare 15 – Reggio Emilia)

Centro Culturale Islamico di Cesena (V. Luigi Lungo 315 – Cesena);

The Ahmadiyya Muslim Jama’at (Via Morgobbo 1035/A 40018 San Pietro in Casale/Bologna);

 

Umbria:

L’Associazione Culturale Islamica Assalam Corciano (V. Ponchielli 35, Ellera di Corciano /Perugia);

 

Lazio:

La Moschea di Al Fath Roma (V. della Magliana 76);

La Moschea di Roma Al Salam (V. dell’Esercito 46 – Zona Laurentina);

La Moschea Al Huda (V. Frassini 4 – Zona Centocelle);

La Moschea di Ostia Lido (Lungomare Paolo Toscanelli, 178/B – Ostia);

La Moschea di Ladispoli (V. Bixio – Ladispoli);

 

Campania:

Comunità Islamica di Napoli (Corso Arnaldo Lucci 58 – Napoli);

12 settembre in Piazza Garibaldi;

 

Puglia:

Centro Islamico di Bari e Puglia (V. Cifarelli 28/C Bari);

12 settembre allo Stadio della Vittoria;

 

Sicilia:

La Moschea di Catania (V. Calì 20 entrata V. Sottile);

12 settembre presso il centro sportivo in V. Zurria.

Tutte le moschee d’Italia e i luoghi di culto saranno liete di ricevere lo scambio di auguri durante la Festività dell’Eid al Adha del 12 settembre a partire dalle ore 9.

 

Comitato Organizzativo Nazionale:

Consiglio Supremo dell’Islam in Italia – CSI;

Congresso Europeo Imam e predicatori in Italia;

Comunità Islamica d’Italia – CIDI;

Membro del Consiglio per le Relazioni dell’Islam italiano presso il Ministero dell’Interno;

Centro Islamico di Bari e Puglia;

Associazione Culturale Islamica in Italia;

Associazione islamica culturale;

Associazione Internazionale degli Immigrati;

Mawa International Association;

Forum delle Donne Marocchine in Italia – FO.DO. M.I.;

Union Nationale de la Femme Tunisenne in Italia – UNFIT;

Comunità marocchina in Italia;

Comunità somale in Italia;

Comunità giordana in Italia;

Comunità egiziane in Italia;

Coordinamento delle Comunità palestinesi in Italia;

Associazione Amici dell’Iraq in Italia;

Comunità sudanesi in Italia;

Comunità irachena in Italia;

Comunità tunisina in Italia;

Comunità libica in Italia;

Comunità drusa in Italia;

Comunità etiopica a Roma;

Comunità musulmana senegalese di Ladispoli;

Associazione della Comunità ghanese a Roma;

Associazione degli Immigrati nordafricani in Italia – AINAI;

Associazione degli algerini in Italia – ELDJAZAIR;

Associazione dei medici libanesi in Italia (AMLI)

Associazione di volontariato, cooperazione e sviluppo italo-libanese;

Unione dei medici, dei farmacisti e dei professionisti sanitari palestinesi in Italia;

Comitato dei professionisti iraniani;

Associazione Amici della Mezza Luna Rossa Palestinese;

Associazione di Promozione Sociale Nuovo Orizzonte;

Associazone Maraa Onlus;

Associazione Italia-Kuweit;

Comitato dei professionisti sanitari curdi;

Scuola Araba Il Nilo – Torino;

Centro Mecca Interculturale – Torino;

Associazione Italo-Egiziana Cleopatra – Piemonte;

Casa della Cultura araba Alquds – Palermo;

Centro Mecca Interculturale – Torino;

Associazione Sabil;

Centro di Cultura e Studi Islamici della Romagna – Ravenna;

Centro Islamico di Reggio Emilia e provincia;

Centro Culturale Islamico di Cesena;

The Ahmadiyya Muslim Jama’at;

Associazione Culturale Islamica Assalam Corciano;

Comunità Islamica di Napoli;

Centro Islamico di Bari e Puglia;

Al Rahma Medical Center Tira;

Giornale Internazionale Bukra;

Osservatorio per l’eguaglianza tunisina e la democrazia;

Il Coordinamento degli intellettuali tunisini.

 

Comitato Adesioni:

Università Telematica Internazionale UNINETTUNO;

Unimed – Unione delle Università Mediterranee;

UIL;

CGL;

Migrantes;

Consigliere Consolare per la Francia (prima circoscrizione d’Italia, Vaticano, San Marino e Malta);

Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia – AMSI;

Unione Medica Euromediterranea – UMEU;

Idos Centro studi e ricerche;

Avis Roma;

AD SPEM – Associazione Donatori Sangue Problemi Ematologici – Onlus;

CEPI – Confederazione Europa Piccole Imprese;

Il Primo Municipio di Roma;

Gente di Pace (Comunità di S. Egidio);

Emergenza Sorrisi Onlus – Doctors for Smiling Children;

Allied International Health Systems;

Medicus Christi Europa;

Piculture – Il Giornale dell’Intercultura a Roma;

Roma Multietnica;

Cultura in cammino;

Forum delle Comunità Straniere;

Comitato Immigrati in Italia;

Comitato Immigrati Roma;

Fopex – Forum Peruanos en el Exterior;

Democratia Directa in Italia;

Associazione rifugiati politici in Italia;

Associazione Casa Africa Onlus;

Associazione di volontariato Metamorfosi;

Forum delle Comunità Straniere in Italia;

Comitato dei profughi polacchi;

Associazione italo-armena zatik;

Membri dell’Associazione Romania nel mondo;

Membri della Comunità ucraina;

Membri della Comunità moldava;

Sei UGL Sindacato Immigrati Emigrati;

Tam Tam Associazione donne congolesi in Italia;

Tutti per un cuore … un cuore per tutti Onlus;

Iasem – Istituto di Alti Studi Euro Mediterranei;

Associazione Culturale OMEGA;

Associazione Migrare;

Rise Onlus Associazione Internazionale per i giovani e lo sviluppo;

Un Ponte per Baghdad;

Associazione Le 100 Madrine del Sorriso;

Compagnia di Commercio Franco italiana e dei Paesi francofoni;

Centro antiviolenza “Marie Anne Erize”;

Associazione dei sardi di Roma “Il Gremio”;

Immagine Online TV – Tv interculturale;

Rivista Madaat;

Agenzia Fuoritutto.

 

di-roma

Link

Altri articoli

Nessun altro articolo da mostrare