COMUNICATO STAMPA Immigrazione e Sanita’

 

A. M. S. I.  
Associazione Medici di origine Straniera in IItalia

                                                          

                                                             COMUNICATO STAMPA

                                                          

                              Immigrazione e Sanita’ ;Amsi ,Uniti per Unire e settore sanità’ Co-mai ;

No piu’ ai morti del mare ,Nuova Legge per l’immigrazione ,un Ddl per l’abolizione del test d’ammissione ,650 Emai di professionisti della salute disponibili per l’Ecuador 

Sabto 14 giugno si e’ svolto il primo convegno del 15° corso internazionale ed interdisciplinare organizzato dall’Amsi , con il patrocinio di Uniti xUnire e del settore Sanità e Cooperazione internazionale della Co-mai. L’incontro, svoltosi con grande partecipazione , si è incentrato sulle patologie del dolore. Tutti i relatori e moderatori hanno convenuto sulla necessità di divulgare in maniera più incisiva ed efficace la legislazione in materia, soprattutto la parte concernente ai servizi, benefici e costi.

Tra le autorità sono intervenuti il consigliere dell’Ordine dei Farmacisti di Roma, Dott. Gaetano De Ritis, che ha ribadito la propria disponibilità a collaborare a favore dell’aggiornamento professionale e della cooperazione internazionale, la consigliera del Comune di Roma, Erica Battaglia, che porterà il lavoro e le proposte dell’Amsi al centro del dibattito delle commissioni del Comune di Roma.

Il presidente dell’Amsi ,Co-mai ed Uniti per Unire, Foad Aodi,  ha comunicato  a nome di tutti dopo l’assemblea congiunta svoltosi dopo la chiusura del programma scientifico :

1. la richiesta congiunta da parte delle numerose associazioni e comunità’ presenti per una nuova legge sull’immigrazione che affermi specifici principi in materia di diritti e doveri ed e’ stata ribadita la necessità’ di continuare a coinvolgere nel progetto mare nostrum i nostri paesi di origine interessati e la comunità’ europea che fino ad ora e’ stato molto assente ed indifferente.

2. il progetto con il ministro della salute dell’Ecuador che ha avuto più di 650 disponibilità inviate all’Amsi da parte dei professionisti della salute italiana e di origine straniera in Italia di recarsi a lavorare in Ecuador;adesso tutto dipende  dal ministero della salute dell’Ecuador come ha dichiarato Il delegato di Uniti per Unire per l’Ecuador, Galiano Egdar, che ha presentato il suo ultimo libro “L’immigrazione come processo in Italia”.

3la nomina del Dott. De ritis quale membro del comitato scientifico Amsi e Co-mai per la sua costanza ed importante collaborazione comune;

5.Dopo l’Ambulatorio di circoncisione dell’Asl Rm F a Civitavecchia,insieme al Dott. Mohamed Khalili, membro dell’ Ufficio di presidenza Amsi e coordinatore settore sanità Co-mai, è stata annunciata l’attivazione  dell’ambulatorio per la circoncisione con costi sociali grazie al presidente del Gruppo INI ed Aiop Lazio, Jessica Faroni, e lo stesso coordinatore del progetto con l’INI, Dott. Khalili (per informazione tel 06942851)

6. insieme alla numerosa delegazione della commissione studenti di medicina dell’Amsi e’ stato richiesto di ufficializzare in un Ddl la proposta del ministro dell’istruzione Gianinni rigurado l’abolizione del test d’ammissione ed aumentare i posti per le scuole di specializzazione in base alle esigenze del mercato del lavoro dopo aver fatto un censimento per i  prossimi 5 anni .

Aodi ha concluso i lavori ringraziando tutti ed in particolare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha premiato il corso con la 15° targa ed il Presidente del consiglio Matteo Renzi per la sua disponibilità’ ad ascoltare le nostre proposte.


 
Cordiali saluti
Foto Convegno Amsi giugno-1
Foto Convegno Amsi giugno-2

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare