COMUNICATO STAMPA 23/03/24. Russia, Aodi (Co-mai): «Condanna e dolore per l’attentato di Mosca. Vicini alle famiglie delle vittime».

ROMA 23 MAR 2024 – Mosca è tornata a vivere i peggiori incubi degli attacchi terroristici ceceni degli anni ’90 quando un gruppo di uomini armati, in tenuta mimetica, ha fatto irruzione in una sala da concerti a nord-ovest del centro aprendo il fuoco senza pietà sugli spettatori. Gli assalitori, prima di darsi alla fuga, hanno lanciato anche granate o bottiglie incendiarie e poco dopo l’intero edificio si è trasformato in un rogo. Le autorità hanno aperto un’inchiesta per terrorismo e qualche ora dopo l’Isis ha rivendicato l’attacco.

«La Co-mai, Comunità del Mondo Arabo in Italia, a nome del suo Presidente, Foad Aodi, e di tutti i suoi membri, condanna fortemente l’attentato e prega per le famiglie delle vittime.

La Co-mai combatte sin dalla sua nascita qualsiasi forma di violenza, di terrorismo, soprattutto nei confronti dei bambini e delle donne.

Quanto accaduto in Russia rappresenta una azione brutale e barbara che nulla a che vedere con qualsiasi forma di religione.

La comunità Co-mai insieme a tutti i suoi esponenti in tutte le regioni italiane insieme al Movimento Uniti per Unire e le associazioni e comunità aderenti in 120 paesi da sempre predica il dialogo interreligioso e la cultura, il rispetto, la pace, e aborra le armi e qualsiasi azione terroristica in tutti i paesi del mondo senza distinzione».

Così il Prof. Foad Aodi, Esperto in Salute Globale Presidente di Co-Mai, Amsi e del Movimento Uniti per Unire nonchè  Docente di Tor Vergata e membro del Registro Esperti della Fnomceo, che è presente tutti i giorni su tv e radio satellitari per parlare di Immigrazione, Salute Globale, eguaglianza, diritti umani.

Ufficio Stampa www.unitiperunire.org

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 24/06/24. Indagine Amsi-Uniti per Unire: in netto aumento negli ultimi 5 anni i numeri dei lavoratori irregolari di origine straniera. Il 50,4% nel settore agricolo, il 49,5% nell’edilizia il 30,6% nell’industria, nel settore terziario il 29,3% e nella sanità il 28,2%. La metà di essi vive situazioni di sfruttamento e schiavitù.

Foad Aodi: l’85% dei cittadini di origine straniera, pur di sopravvivere e di non perdere un lavoro, anche se irregolare e clandestino, decidono loro malgrado di non denunciare. Basta ad

Leggi Tutto »

COMUNICATO STAMPA 22/06/24. Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni, attraverso il nostro dettagliato e aggiornato report, emerge un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri, oltre la metà privi di documenti regolari e senza un contratto di assunzione, in special modo in settori come l’agricoltura e l’edilizia. E’ il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia.Chiediamo giustizia

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare