cno-webtv: Fermo: migrante ucciso a botte

 

Difende la moglie da insulti razzisti e viene ucciso a botte. Cosi è morto Il migrante nigeriano Emmanuel Chidi Namdi a Fermo nelle Marche

Laura Boldrini, “Suscita sgomento e indignazione la notizia del richiedente asilo nigeriano pestato a morte a Fermo.“.

La tragedia di Emmanuel Chidi Namdi

Era fuggito via dalla follia di Boko Haram che gli aveva ucciso una figlia. Era scappato dalla Nigeria con la moglie 24 enne. In un cento d’accoglienza a Fermo, nelle Marche, aspettava che la sua richiesta d’asilo venisse accolta. Poi la tragica fine. Emmanuel Chidi Namdi è stato ammazzato da un italiano con un palo della segnaletica mentre cercava di difendere la moglie da insulti xenofobi e razzisti. Per il momento c’è solo una denuncia di lesioni a piede libero e non di omicidio, per l’aggressione a Namdi.

Lo sgomento del mondo politico

Sgomento e indignazione verso l’accaduto sono stati espressi anche dal parlamento italiano. “Quanto avvenuto oggi a Fermo assomiglia a un film dell`orrore ma purtroppo è una tragedia vera che spezza la vita di un migrante sfuggito con la sua compagna al terrorismo e alla guerra, facendo svanire il loro sogno per una nuova vita”, ha dettola senatrice del PD Camilla Fabbri,“Fatti come questo  impongono una riflessione seria, non di circostanza, ma che guardi in profondità cosa ha prodotto questa insensata esplosione di violenza nella comunità cittadina di Fermo, dove in tanti si danno da fare per un`integrazione e una convivenza pacifica con chi fugge dai mali del mondo. Soprattutto, a cominciare dalla politica e dalle istituzioni, si deve agire per trovare l`antidoto affinché drammi come quello di oggi non si ripetano”. Dura condanna anche dalla Presidente della Camera Laura Boldrini.“Suscita sgomento e indignazione la notizia del richiedente asilo nigeriano pestato a morte a Fermo. Un uomo che era venuto via dal suo Paese per scampare alla ferocia dei terroristi di Boko Haram ha perso la vita qui da noi, in Italia, sotto i colpi dell’odio razzista e xenofobo”, ha fatto sapere la Boldrini.

 

cno-webtv

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare