cittadinapoli: GLI ISLAMICI PER L’ANNIVERSARIO DELL’11 SETTEMBRE: CRISTIANI IN MOSCHEA

 

138030-thumb-696x459

 

I cristiani in moschea per commemorare il quindicesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre. L’idea arriva da Co-mai e del Movimento Internazionale “Uniti per Unire”, che si riallacciano idealmente alla partecipazione di massa dei fedeli musulmani alla Santa Messa domenicale seguita all’omicidio di padre Jacques Hamel, il religioso francese trucidato da uomini nell’Isis in Normandia nel luglio scorso “Ci proponiamo di dare scacco matto anche ai pregiudizi, alle fobie, e alle strumentalizzazioni sterili – ha detto all’Agi il presidente del Co-Mai Foad Aodi – Tutti uniti per dare scacco matto al terrorismo. Uniti con Papa Francesco a favore del vero dialogo interreligioso, invitiamo cristiani e laici a pregare insieme.” L’hashtag dell’iniziativa è, pertanto, #cristianiinmoschea.A sostenere l’iniziativa più di 1000 tra Comunità e Centri culturali arabi, islamici e di origine straniera in Italia, tra i quali le Comunità arabe italiane, Le Associazioni musulmane d’Italia, il Congresso islamico europeo degli imam e predicatore in Italia, il Consiglio Supremo dell’Islam in Italia (CSI).Da segnalare anche l’adesione di diverse sigle note del terzo settore e del mondo del volontariato. Tra gli aderenti si aggiungono un gran numero di Associazioni, Federazioni, Istituzioni del Mondo del volontariato, dell’istruzione e della ricerca tra i quali l’Università Telematica Internazionale Uninettuno, la Fondazione Migrantes, Avis Roma e la Lega Italiana dei diritti dell’uomo.L’11 settembre, dalle 17 alle 20, i partecipanti si scambieranno un messaggio di pace per promuovere il dialogo e la lotta contro il terrorismo; il 12 settembre, moschea e luoghi di preghiera resteranno aperti a partire dalle 9.30 per uno scambio di auguri durante la celebrazione della grande Festività musulmana dell’Eid Al Adha.

 

cittadinapoli

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare