Circoncisione sì, circoncisione no? Interviene il Presidente dell’Amsi e Co-mai Dottor Foad Aodi

(ASI) L’attuale questione della pratica della circoncisione dibattuta in Germania in sede religiosa e politica è nata, come è noto, dalla denuncia di un medico che durante una visita d’urgenza ha riscontrato in un bambino mussulmano lesioni fisiche provocate da uno scorrento intervento chirurgico sull’aparato genitale.

A seguito dell’esposto presentato dallo stesso medico alla Magistratura, i giudici di Colonia il 26 giugno hanno emesso una sentenza che, sulla falsariga delle legge vigente a tutela dell’integrità fisica dei minori, impone alle famiglie interessate, non il divieto, bensì l’obbligo di attendere la maggior età dei ragazzi prima di ricorrere a questa antica pratica religiosa.

Riflessi si sono avuti anche in Italia, e il Presidente dell’Amsi e Co-mai Dottor Foad Aodi è intervenuto in merito alla questione con alcune dichiarazioni che vanno viste nel più ampio contesto di proposte legislative riguardanti il problema dell’integrazione dei mussulmani e che l’associazione ha già inoltrato all’attuale governo italiano.


Intervista audio con
il Presidente dell’Amsi e Co-mai Dottor Foad Aodi

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare