barisette: A Bari “Cristiani in moschea” per dire no al terrorismo

 

img_archivio1181120151709

 

Gli islamici di Puglia aderiscono all’iniziativa lanciata nelle scorse settimane dalla Comunità del mondo arabo in Italia.

Porte aperte della moschea alla vigilia della festa del Sacrificio: anche la comunità islamica di Puglia aderisce all’iniziativa “Cristiani in Moschea”, lanciata nelle scorse settimane dalla comunità del mondo arabo in Italia e dal movimento internazionale transculturale e interprofessionale “Uniti per Unire”. L’idea è partita da Aodi Foad, presidente delle Comunità arabe in Italia. La missione è precisa: accogliere i cristiani nelle moschee per dire a gran voce no ad ogni forma di terrorismo.

La sede pugliese della comunità islamica d’Italia si unisce alle mille realtà musulmane che hanno deciso di condividere un importante appello per riporre la speranza in un rinascimento senza pregiudizi, né paura attraverso la buona convivenza tra le religioni e le civiltà. Da un punto di vista religioso per i musulmani si tratta di un modo per ricambiare l’invito dei cristiani a recarsi nelle chiese subito dopo la tragica uccisione di don Jacques Hamel, avvenuta durante una celebrazione eucaristica a Saint-Etienne-du-Rouvray.

Anche il centro islamico di Bari aderirà al programma diffuso a livello nazionale. Domenica dalle 17 alle 20 sarà possibile entrare in moschea e visitarla. L’occasione sarà gradita ai fratelli musulmani per ricevere gli auguri alla vigilia della festa del Sacrificio.

«Domenica pomeriggio saremo lieti di accogliere i cristiani che vorranno venire a trovarci – spiega Alì Pagliara, responsabile organizzativo del Centro Islamico Pugliese – oltre che onorati di ricevere gli auguri alla vigilia della festa più importante che tutto il popolo musulmano si appresta a celebrare. Con alcuni fratelli che hanno aderito con gioia all’iniziativa daremo il nostro piccolo contributo per proseguire nel percorso di unità che da tempo, noi islamici pugliesi, abbiamo avviato».

Pace, dialogo e fratellanza auspica il presidente della Comunità Islamica di Puglia Sharif Lorenzini: «Non sarà un momento di preghiera come qualcuno crede ma un appuntamento per aprirci ancora una volta al dialogo e alla reciproca convivenza, in un clima di pace e profondo rispetto fraterno. Vi aspettiamo numerosi perché insieme possiamo crescere e costruire un mondo nuovo abbattendo pregiudizi e violenza. Siamo convinti che iniziative di questo genere possano trasmettere tanto a noi e ai cristiani. Perché solo la conoscenza consente di abbattere ogni barriera ideologica».

 

barisette

Link

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 24/05/24. Impegno sociale, cooperazione internazionale, solidarietà, salute globale, lotta contro la violenza per difendere le donne. La partecipazione a tre eventi-dibattiti in un solo giorno testimoniamo la forza degli obiettivi di Amsi, Umem e Uniti per Unire. (La Voce del Parlamento.it).

Aodi: «Sono stato relatore e moderatore, il 23 maggio, di tre convegni, su temi come Salute Globale Internazionale e Difesa dei Diritti delle Donne e Lotta alla violenza di gruppo.

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare