baraondanews: Violenza sulle donne e mutilazioni genitali femminili in Italia

 

 

In occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne, l’Associazione “SENONORAQUANDO-Cerveteri” organizza un incontro-dibattito per affrontare il tema delle Mutilazioni Genitali Femminili in Italia. L’appuntamento si terrà il prossimo 25 Novembre, alle ore 20,30, presso la Sala Ruspoli in Piazza Santa Maria, a Cerveteri.

Ogni anno si stima che nell’Unione Europea i casi di mutilazioni genitali femminili siano circa 300mila, e di questi circa 20mila solo in Italia. “Il tema è di estrema attualità proprio in virtù dei flussi migratori che interessano il nostro Paese – dichiara Maria Grazia Sfregola, Presidente di SENONORAQUANDO-Cerveteri – Si tratta di un’emergenza umanitaria che colpisce un gran numero di donne immigrate in Italia ed in Europa, oltre che milioni di donne nel mondo. Un rituale sotterraneo e violento attuato da donne, madri e nonne, sulle proprie figlie e nipoti. Nello stesso tempo è anche un’emergenza sanitaria a cui dovremmo trovarci preparate/i e sulla quale oggi è importante sensibilizzare le istituzioni e la cittadinanza”.

All’incontro, patrocinato dal Comune di Cerveteri, interverranno la medica volontaria di “Bambini nel Deserto” Ong Onlus Assunta Santonati, l’antropologa Erica Eugeni ed il Presidente dell’AMSI (Associazione Medici Stranieri in Italia) Prof. Foad Aodi. A seguire, letture di testimonianze di donne infibulate tratte dal libro “La Valigia dei Ventagli. Percorsi creativi per la conoscenza delle mutilazioni genitali femminili” e dibattito con il pubblico. Ingresso libero.

 

Perinfo

Associazione di promozione Sociale

SENONORAQUANDO-Cerveteri

snoq.cerveteri@gmail.com

 

baraondanews - new

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 24/06/24. Indagine Amsi-Uniti per Unire: in netto aumento negli ultimi 5 anni i numeri dei lavoratori irregolari di origine straniera. Il 50,4% nel settore agricolo, il 49,5% nell’edilizia il 30,6% nell’industria, nel settore terziario il 29,3% e nella sanità il 28,2%. La metà di essi vive situazioni di sfruttamento e schiavitù.

Foad Aodi: l’85% dei cittadini di origine straniera, pur di sopravvivere e di non perdere un lavoro, anche se irregolare e clandestino, decidono loro malgrado di non denunciare. Basta ad

Leggi Tutto »

COMUNICATO STAMPA 22/06/24. Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni, attraverso il nostro dettagliato e aggiornato report, emerge un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri, oltre la metà privi di documenti regolari e senza un contratto di assunzione, in special modo in settori come l’agricoltura e l’edilizia. E’ il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia.Chiediamo giustizia

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare