avantionline: Professionisti della sanità per diritto alla salute di italiani e stranieri

 

 

In Italia vivono e lavorano, oggi, circa 80.000 professionisti della sanità di origine straniera: di cui circa 19.000 medici, organizzati nell ‘AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia). Il Congresso annuale dell’ AMSI si terrà il 1 dicembre a Roma, alla Clinica “Ars medica” di Via Ferrero di Cambiano, col patrocinio di Ordine dei Medici di Roma, movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Insieme al Congresso si terrà il Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia (trattamento medico, chirurgico e riabilitativo): con professionisti della sanità italiani e d’origine straniera,. nel contesto del programma d’aggiornamento professionale e interdisciplinare dell’ AMSI (che al suo attivo ha, in 18 anni, l’organizzazione di piu’ di 650 convegni). Con questo convegno, inoltre (accreditato ECM, col rilascio, a tutti i professionisti partecipanti, di 6 crediti formativi) , s’intensifica la collaborazione tra AMSI e Ordine dei Medici di Roma e Provincia, nel quadro della politica dell’ AMSI di massima apertura anche alle altre professioni sanitarie e alla società civile nel suo complesso: interverranno, infatti, neurologi, neurochirurghi, fisiatri, radiologi, ortopedici, radiologi, fisioterapisti, podologi.

“Sin dall’inizio della sua attività – precisa Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore e Presidente AMSI e Consigliere dell’ OMCeO di Roma – l’ AMSI ritiene che medicina e sanità sono i migliori argomenti per sviluppare il dialogo interculturale e inter religioso e la difesa dei diritti umani. Al Convegno del 1 dicembre, così, presenteremo le ultime proposte dell’ AMSI: che all’ agenda delle professioni e della politica italiana ha messo recentemente i suoi progetti “Buona sanità Internazionale” e “Buona immigrazione”, per lo sviluppo d’ una vera cooperazione sanitaria internazionale. Siamo, infatti, fortemente preoccupati – prosegue Aodi – per un quadro internazionale in cui, da una parte, continuiamo a contare le morti di innocenti (nei vari conflitti o per fame o nel mare), la violenza contro donne e anziani, e la scomparsa – nel caos delle migrazioni irregolari – di migliaia di minorenni non accompagnati. Dall’altra, la mancanza di qualsiasi seria azione politica e diplomatica per prevenire tutto questo: con un preoccupante e gravissimo ritardo dell’ Unione Europea, che ha lasciato l’ italia da sola in questi anni di emergenza immigrazione, legata al continuo mutamento della geopolitica nei Paesi euro mediterranei e africani”

 

Link

 

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 19/07/24. Immigrazione Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «Agire su due fronti, arginando da una parte l’immigrazione irregolare, ma dall’altra promuovere la buona immigrazione. Due piani distinti che possono cambiare il nostro Presente e il nostro futuro».

Aodi (indagine Amsi-Umem-Uniti per Unire): Tra gli immigrati, che intraprendono il viaggio della speranza che sarebbe meglio chiamare della disperazione, dall’Africa all’Italia, solo il 13% riesce a raggiungere la meta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare