ansa: Amsi, oltre 650 morti da inizio offensiva Isis in Libia

 

Aodi, solidali con personale medico e civili morti in Afghanistan

(ANSAmed) – ROMA, 5 OTT – ”Dall’inizio dell’offensiva dell’Isis in Libia – a Sirte e provincia – sono ormai più di 650 i morti e oltre 1000 i feriti”. Fra questi, ”molti sono medici e operatori sanitari”. E’ quanto rende noto il presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi, che in una nota esprime solidarietà al personale sanitario colpito in molti Paesi – dall’Iraq alla Siria alla Libia e, in particolare, alle equipe di Medici senza Frontiere (Msf) e ai civili uccisi nel bombardamento aereo della struttura di Kunduz, in Afghanistan. ”Siamo indignati per la strage in atto contro la cooperazione internazionale e i civili”, ha detto Aodi.

 

ansamed

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare