Amsi e Co-mai: “Positivo il recente descreto sulla sanità2

(ASI) Le nomine dei direttori generali e quelle dei primari che vengono fatte in modo trasparente e senza nessuna interferenza politica rappresentano una novità e una discontinuità con il passato. Inoltre, secondo il presidente dell’Amsi e co-mai prof. Aodi: “E’ positiva l’intenzione del Governo di intensificare l’assistenza sanitaria territoriale con più servizi 24 ore su 24.

 Una soluzione giusta per diminuire il carico sugli ospedali ed i pronti soccorsi, convolgendo i medici del territorio mettendoli in condizione di svolgere il loro lavoro nel miglior modo possibile, senza disagi organizzativi ,economici e guerre professionali inutili evitando scontri di competenze e ruolo tra i medici del territorio e quelli degli ospedali ed universitari”.
Infine, l’Amsi e Co-mai apprezzano anche la decisione del Governo di intensificare
l’assistenza sanitaria agli immigrati con maggiori difficoltà. Giudicano pure positiva la volontà di ridisegnare l’attività intramenia negli ospedali. Un’oppurtunità per i pazienti di essere seguiti dai loro medici di fiducia e contemporaneamente un modo per abbattere le liste d’attesa.
Il Prof Aodi a nome di Amsi e Co-mai si augura che queste importanti novità in campo sanitario significhino anche una proficua e continua collaborazione fra il Governo italiano e le Regioni con tutti gli operatori del settore italiani e di origine straniera. Infatti, nell’interesse di tutti l’obiettivo comune è: avere un Servizio Sanitario Nazionale migliore.

http://www.agenziastampaitalia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10274%3Aamsi-e-co-mai-qpositivo-il-recente-descreto-sulla-sanita2&catid=4%3Apolitica-nazionale&Itemid=34

Altri articoli

RASSEGNA STAMPA 19/07/24. Immigrazione Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «Agire su due fronti, arginando da una parte l’immigrazione irregolare, ma dall’altra promuovere la buona immigrazione. Due piani distinti che possono cambiare il nostro Presente e il nostro futuro».

Aodi (indagine Amsi-Umem-Uniti per Unire): Tra gli immigrati, che intraprendono il viaggio della speranza che sarebbe meglio chiamare della disperazione, dall’Africa all’Italia, solo il 13% riesce a raggiungere la meta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare