altoadige: Asl Rm 4 e 5, in programma apertura ambulatori per stranieri

 

(ANSA)- ROMA, 3 DIC- Nelle Asl Rm5 e Rm4 è in programma l’apertura di nuovi ambulatori Amsi, Associaziohe medici di origine straniera in Italia, dedicati agli stranieri. Per superare le difficoltà linguistiche, intensificare la prevenzione, la ricerca e la collaborazione tra professionisti italiani e colleghi stranieri. L’annuncio è stato dato al congresso dell’Amsi che si è svolto a Roma, dove vi è stato un confronto sul tema “Neurotraumatologia e lesioni periferiche – Trattamento medico, chirurgico e riabilitazione”. Il congresso è stato aperto dal professor Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore e Presidente Amsi e dal dottor Giuseppe Quintavalle, Direttore Generale della ASL RM 4 (Civitavecchia) e Commissario straordinario della RM5 (Tivoli). “Fra i temi da intensificare – ha evidenziato Aodi – abbiamo i rapporti tra sanità e immigrazione, tema essenziale in una società globalizzata”. “Vogliamo intensificare la collaborazione con l’Amsi – ha aggiunto Quintavalle – che ha dimostrato in questi 18 anni concretezza e costanza”. “Presso gli ambulatori e sportelli Amsi per stranieri – ha rilevato ancora Aodi – le patologie piu’ frequenti, oggi, attengono a ginecologia, ortopedia, fisiatria, pneumologia e altri ambiti. Inoltre si e’ registrato un aumento molto significativo, che documenta la variazione di età, di abitudini e stili di vita e di alimentazione degli stessi immigrati in Italia: il 40 % in piu’ di richieste di consulti psicologici, del 35 % di visite cardiologiche e diabetologiche , del 25% di controlli anti-obesità, del 20 % di visite per sterilita’. E’ emerso dalle statistiche degli sportelli Amsi che oggi anche gli immigrati, adeguandosi alle abitudini occidentali e italiane, fanno pochi figli, affrontando matrimonio e gravidanza in eta’ piu’ avanzata rispetto ai loro Paesi di origine”.(ANSA).

 

Link

 

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare