agenziastampaitalia: Co-mai: “Arabia Saudita e Iran fermatevi! Gli scontri religiosi interni all’islam, possono accelerare una terza guerra mondiale”

 


(ASI) Riad – “No alle guerre civili e religiose in Medio Oriente che minacciano la sicurezza internazionale e possono accelerare una terza guerra mondale. Condanniamo fermamente la pena di morte”.

Questo il commento di Foad Aodi, Presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai ) e Focal Point in Italia per l’integrazione presso l’Agenzia Onu UNAOC all’aggravarsi del conflitto tra sciiti e sunniti che ha visto come principali attori l’Arabia Saudita e l’Iran. Riad ha deciso ieri di rompere le relazioni diplomatiche con Teheran intimando ai suoi rappresentanti diplomatici di lasciare l’Arabia Saudita entro 48 ore, segna l’apice delle tensioni tra i due Paesi. Decisione che giunge a seguito della recente decapitazione dell’imam sciita Nimr al-Nimr, giustiziato il con l’accusa di terrorismo assieme ad altri 46 uomini in Arabia Saudita, suscitando la rabbia delle maggioranze sciite dei diversi Paesi. “Ci appelliamo all’Arabia Saudita, all’Iran, al mondo arabo e all’occidente per fermare questa catena di morte che si alimenta con i conflitti inter-religiosi – prosegue Aodi – stiamo già vivendo una situazione molto critica, che riflette una crisi mondiale ed economica senza precedenti”. Secondo il Presidente di Co-mai la “via della pace” si trova solo nel dialogo che rafforza la cooperazione tra l’Europa e il Medio Oriente: “Servono l’unità e la coesione delle diplomazie internazionali, e servono soluzioni per una stabilizzazione del mondo arabo che comprende la Siria, la Libia, la Tunisia, l’Egitto, lo Yemen, il Libano, il Sudan e la Somalia. Dobbiamo lavorare per lo sviluppo del dialogo interculturale ed inter-religioso con l’occidente per evitare altri conflitti e per combattere il terrorismo, il nostro grande e comune nemico”.

 

agenziastampaitalia

Link

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 24/06/24. Indagine Amsi-Uniti per Unire: in netto aumento negli ultimi 5 anni i numeri dei lavoratori irregolari di origine straniera. Il 50,4% nel settore agricolo, il 49,5% nell’edilizia il 30,6% nell’industria, nel settore terziario il 29,3% e nella sanità il 28,2%. La metà di essi vive situazioni di sfruttamento e schiavitù.

Foad Aodi: l’85% dei cittadini di origine straniera, pur di sopravvivere e di non perdere un lavoro, anche se irregolare e clandestino, decidono loro malgrado di non denunciare. Basta ad

Leggi Tutto »

COMUNICATO STAMPA 22/06/24. Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni, attraverso il nostro dettagliato e aggiornato report, emerge un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri, oltre la metà privi di documenti regolari e senza un contratto di assunzione, in special modo in settori come l’agricoltura e l’edilizia. E’ il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia.Chiediamo giustizia

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare