agensir: Musulmani in piazza: Aodi, “registriamo aumento paura nei bambini e licenziamenti”

 

“Per primi abbiamo lanciato un appello alle comunità musulmani per scendere in piazza per dire no con fermezza a terrorismo e agli assassini delle religioni. Sono assassini che non guardano in faccia nessuno, ammazzano musulmani, ebrei, cristiani, tutti allo stesso modo e senza pietà”. Lo ha detto Foad Aodi, presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia, a margine della mobilitazione avvenuta oggi pomeriggio a Roma in piazza Santi Apostoli organizzata dalle comunità musulmane per dire no al terrorismo dell’Isis a cui hanno partecipato, nonostante la pioggia, centinaia di persone fra cui molti cittadini italiani cristiani ed ebrei. “Durante il convegno che il Comai (Comunità del mondo arabo in Italia) di oggi – ha continuato – abbiamo parlato delle segnalazioni di discriminazioni nei confronti dei musulmani, in particolare, abbiamo riscontrato un aumento del 6% dei licenziamenti dei musulmani e arabi negli ultimi mesi in Italia. Sta inoltre aumentando la psicosi fra i bambini arabi e musulmani perché ascoltano i ragionamenti dei loro genitori, si sentono sotto torchio e questa paura sta creando in loro una crisi di identità”.

 

agensir

Link

 

Altri articoli

COMUNICATO STAMPA 15/04/24. Amsi-Uniti per Unire «Bene la cancellazione del tetto di spesa per i professionisti sanitari ma soprattutto arrivino finalmente contratti a tempo indeterminato. Solo così si può aumentare del 50% la risposta dei medici e infermieri di origine straniera rispetto alle domande delle Regioni».

Aodi: «Continua la nostra collaborazione  costante con le regioni: è una scelta obbligatoria in questo momento quella di rivolgersi ai professionisti della sanità di origine straniera, visto che si tratta

Leggi Tutto »
Nessun altro articolo da mostrare